Crisi Roma: contestazione e squadra in ritiro

Giocatori e tecnico resteranno a Trigoria fino alla gara di mercoledì sera col Frosinone. Non succedeva da tre anni.

Il ko di ieri a Bologna ha ufficialmente aperto la crisi in casa Roma. Una sconfitta per 2-0 condita da una prestazione incolore hanno spinto Di Francesco ad optare per una soluzione drastica: restare in ritiro al Fulvio Bernardini per tre giorni interi, da ieri sera fino alla gara di mercoledì sera contro il Frosinone.

Erano ormai quasi tre anni che non si registrava una situazione analoga: l’ultima volta fu il 17 dicembre 2015, quando la Roma di Garcia subì il brutto ko in Coppa Italia contro lo Spezia che costò l’eliminazione ai capitolini dalla competizione. Ritiro che però non bastò al tecnico francese a scongiurare un esonero che avvenne poche settimane dopo.

Unico strappo il breve permesso concesso ad Edin Dzeko di partire ieri sera a Milano per partecipare ad uno show legato ad uno sponsor. Annullato anche l’evento di oggi in programma al Nike Store di Via del Corso con Pellegrini, mentre una pioggia di insulti ha seppellito Steven N’Zonzi (che ieri è rimasto per tutti e 90 i minuti in panchina) reo di aver postato durante il ritiro un tweet (poi cancellato) in cui pubblicizzava il suo account Snapchat.

Non solo i giocatori. Evento annullato anche per il ds Monchi che in giornata era atteso al World Football Summit in corso a Madrid. Lo spagnolo ha preferito restare a Trigoria ed assistere agli allenamenti della squadra in questo momento così delicato, dove un eventuale passo falso con i ciociari potrebbe far saltare la panchina di Di Francesco

 

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Veronica Martella

Informazioni sull'autore
Pugliese, una laurea in storia dell'arte e tanta passione per il calcio e la Roma in particolare. Amo le cose belle e semplici della vita e non sopporto l'arroganza, l'intolleranza e chi non si emoziona mai per nulla.
Tutti i post di Veronica Martella