Coupe de la Ligue 2018-2019: vince lo Strasburgo

Storico successo per le cicogne che tornano a vincere la coppa dopo quindici anni.

Era dalla stagione 2004/2005 che lo Strasburgo non portava a casa un titolo e sabato i tifosi hanno potuto finalmente festeggiare dopo che la loro squadra ha battuto il Guingamp in una finale molto tirata. La partita si è risolta solamente ai calci di rigore visto che nei 120′ di gioco il risultato è rimasto fisso sullo 0-0, nonostante ci siano state occasioni da ambo le parti. Grazie a questo successo lo Strasburgo prenderà parte alla prossima Europa League partendo dal secondo turno preliminare.

Le Cicogne non giocavano una competizione europea dalla stagione 2005/2006, quando riuscirono ad arrivare fino agli ottavi di finale della vecchia Coppa UEFA. Quella ottenuta sabato è per lo Strasburgo la terza Coupe de la Ligue della sua storia dopo averla vinta anche nella stagione 1996-1997, oltre a quella del 2005, ed anche in quel caso nella stagione successiva arrivò fino agli ottavi di finale della Coppa UEFA. Nell’anno precedente, invece, lo Strasburgo vinse anche una Coppa Intertoto.

Sconfitta amara, invece, per il Guingamp i cui errori di Rodelin Mendy sono costati caro, con Carole che ha consegnato la coppa allo Strasburgo. Il Guingamp si era reso protagonista di un percorso davvero eccezionale, eliminando prima il Paris Saint-Germain ai quarti di finale con una clamorosa rimonta nei minuti finali, e poi battendo il Monaco in semifinale proprio ai calci di rigore. Stavolta la fortuna ha girato le spalle ai bretoni che dovranno aspettare ancora prima di vincere la loro prima Coupe de la Ligue.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Danilo Servadei

Informazioni sull'autore
Laureando in Scienze della Comunicazione presso l'Università degli Studi di Salerno. Aspirante giornalista con la passione per il calcio estero e l'amore per quello giapponese
Tutti i post di Danilo Servadei