Calciomercato Juventus: Barcellona, Betis e PSG su Emre Can

La polemica riguardante Emre Can e la sua esclusione dalla lista Champions della Juve sta tenendo banco ormai da giorni. Il tedesco, dal ritiro della sua Germania, si è dichiarato molto arrabbiato, nonché contrariato per un’esclusione che certamente non si aspettava.

Di promesse non mantenute parla nelle sue dichiarazioni più recenti, nelle quali ammette di aver rifiutato, in estate, un’offerta del Paris Saint-Germain per restare alla Juventus alla quale aveva chiesto in cambio della sua permanenza a Torino, la possibilità di giocare la Champions League. 

Emre Can
Can con la maglia della Juventus

Una possibilità che, a sentire Emre Can, la società gli avrebbe anche inizialmente accordato, ma che poi, alla luce degli ultimi avvenimenti, si è rivelata una vera, grande, nonché ingiustificata bugia. Al suo ritorno in Italia, il tedesco ha infatti dichiarato che parlerà con la società affinché già a gennaio si possa valutare la possibilità di andare a cercare migliori fortune altrove, lontano dall’Italia.

In questo senso la Juventus valuterà quindi seriamente e attentamente l’opzione di venderlo a quel Paris Saint-Germain che già negli scorsi mesi si era fatto avanti per il duttile centrocampista. In alternativa ai parigini c’è però anche, e sempre potremmo dire, il Barcellona che, come i francesi, aveva mostrato particolare interesse per il tedesco di origini turche. Coi blaugrana si era provato ad intavolare una trattativa incentrata sull’idea di uno scambio che avrebbe portato in Piemonte, Ivan Rakitic e il tedesco in Catalogna, anche se alla fine tale ipotesi si era chiusa con un nulla di fatto. La pista resta calda, ma solo a gennaio potremmo saperne di più. 

Infine pare che anche il Betis abbia avanzato un’offerta per il calciatore, il quale però sembra aver già rifiutato l’idea di trasferirsi in Andalusia visto che il club biancoverde non partecipa ad alcuna manifestazione europea. 

 

 

 

 

Nicola Patrissi

Informazioni sull'autore
"Non è tanto chi sei, quanto quello che fai che ti qualifica". Giornalista pubblicista iscritto all'Ordine dei Giornalisti della Basilicata. Laureato in Lettere Moderne. Amo la scrittura, la fotografia e il calcio.
Tutti i post di Nicola Patrissi