Barcellona – Inter 2-1, voti e pagelle: ottimi Barella e Brozovic, male Candreva e Asamoah

L’Inter perde 2-1 contro il Barcellona nella 2° giornata del Gruppo F della fase a gironi di Champions League e subisce la prima sconfitta stagionale. Nerazzurri che giocano un buon primo tempo e che trovano il vantaggio lampo con Lautaro Martinez, il muro difensivo interista si sgretola però nella ripresa sotto i colpi di Suarez che firma la doppietta decisiva. Inter ferma a 1 punto nel girone.

Arriva il primo stop stagionale per l’Inter di Antonio Conte che cade 2-1 contro il Barcellona e vede ulteriormente complicarsi il percorso di qualificazione. Gara ben giocata nel primo tempo, con l’Inter che trova anche il vantaggio con Lautaro Martinez. Nella ripresa aumento di ritmo e intensità dei padroni di casa che trovano i 3 punti con una doppietta di Suarez. Orfano di Lukaku, Conte schiera il solito 3-5-2 con Handanovic in porta, difesa con Godin, de Vrij e Skirniar. Asamoah e Candreva esterni con Barella, Brozovic e Sensi a centrocampo Sanchez e Lautaro in attacco. Nel Barça recupera Messi che affianca Suarez e Griezmann nel trio offensivo dei padroni di casa.

Nonostante le dichiarazione pre-partita di Conte, il piano gara dell’Inter per affrontare il Barcellona viene costruito attraverso una grande solidità difensiva e compattezza di squadra, provando a colpire in ripartenza gli spazi lasciati dal Barcellona. Nei primi 45 minuti l’Inter riesce a contenere bene un Barcellona oggettivamente sotto ritmo, con soprattutto un de Jong fuori ruolo e dei poco attivi Griezmann e Messi. Padroni di casa che vengono colpiti a sorpresa dopo 3 minuti, quando Sanchez è abile a lanciare in velocità Lautaro Martinez che in area col sinistro trafigge ter Stegen per lo 0-1.

Il Barcellona da prassi domina il possesso, ma la lentezza della manovra permette all’Inter di difendersi con ordine con le linee di centrocampo e difesa, non correndo veri rischi ma anzi rischiando anche un clamoroso 0-2 prima con Barella che a centro area non trova la porta da ottima posizione e poi con Lautaro con un colpo di testa sventato da un miracoloso ter Stegen. Nerazzurri che però non sono troppo propositivi e dentro al loro modulo, ma impostano fin da subito la gara in difesa stretta e tentativi di contropiede.

Nella ripresa il Barcellona alza il ritmo e l’intensità di gioco e la retroguardia nerazzurra fa più fatica a contenere la maggiore cifra tecnica catalana, e soprattutto nei secondi 45 Inter che on crea più nulla. Valverde sposta de Jong nel suo ruolo naturale da regista e il Barça guadagna in velocità e palleggio. L’Inter si abbassa, viene schiacciata e dominata e subisce l’1-1 al minuto 58, con Suarez che si inventa una girata di destro imprendibile per Handanovic

Nerazzurri che calano anche fisicamente, influiscono male i cambi (male Gagliardini e D’Ambrosio, tardivo l’ingresso di Politano) e cadono definitivamente al 85° quando Messi in percussione serve un assist al bacio che manda Suarez davanti alla porta e che trafigge Handanovic per la seconda volta. Inter che se la è giocata con una buona prova difensiva fino a che il Barcellona era sotto ritmo, ma che ha mostrato limiti di impostazione tattica e difficoltà tecniche ancora non pronti per tal livelli. Nerazzurri che rimangono fermi a 1 punto nel Gruppo F, ora costretti a fare punteggio pieno contro il Borussia Dortmund nei prossimi match di Champions.

TOP

BARELLA, 7: il migliore nel centrocampo nerazzurro: corre e raddoppia per tutta la partita e in fase di possesso nel primo tempo è autore di buone uscite in fase di pressing. Sulla coscienza però il possibile 0-2 mancato da ottima posizione.

BROZOVIC, 6,5: nel primo tempo fa un gran lavoro di copertura e pare che come mediano davanti alla difesa sia a più agio. Ha troppa fretta di impostare palla al piede quando deve far ripartire l’azione cala nella ripresa.

DE VRIJ, 6.5: tiene bene Suarez e le sortite offensive inefficaci del Barcellona nel primo tempo, concedendo pochissimo. Nella ripresa l’Inter si abbassa troppo ed è messo più sotto stress ma mantiene calma. Incolpevole sui due gol.

FLOP

CANDREVA, 5: discreta gara nel primo tempo dove è attento ad aiutare in raddoppio Godin su Griezmann. Tanto impegno e sacrificio ma è nullo in fase di spinta. Gli viene annullato giustamente un gol in offside e l’unico cross buono che effettua è sprecato da Lautaro.

ASAMOAH, 5: più o meno lo stesso andamento del collega di fascia: ottimo nel primo tempo in fase di ripiego, dove aiuta Skriniar con Messi, ma non arriva mai sul fondo. Cala tantissimo nella ripresa.

SANCHEZ, 5: bravo per l’assist improvviso a Lautaro ma poi non combina più nulla d’efficace. Ancora fuori forma e macchinoso, non è l’arma in più nelle ripartenze del primo tempo. Non tocca palla nella ripresa ed esce al 66°.

Riccardo Tanco

Informazioni sull'autore
Classe 1993, abito nella provincia di Milano. Tifoso dell'Inter. Giocatore preferito: Adriano
Tutti i post di Riccardo Tanco