Avellino: rimonta in classifica e salvezza vicina

E’ un gran periodo per l’Avellino.

La formazione allenata da Walter Novellino sta attraversando un ottimo momento di forma, sia sul piano fisico/atletico che su quello emotivo/motivazionale.

Sono 6 i risultati utili consecutivi inanellati dai campani, equamente suddivisi fra vittorie e pareggi. Ultima sconfitta risalente a quasi 2 mesi fa, datata 17 Dicembre 2016, 19^ giornata del campionato di Serie B, 2-1 in casa del Bari di Stefano Colantuono, con gli ospiti in vantaggio nel recupero della prima frazione di gioco con Luigi Castaldo, e rimonta dei padroni di casa con la doppietta di Matteo Fedele.

Da allora le cose sono andate decisamente in crescendo.

A cominciare da subito, con la gara della vigilia di Natale quando, per la 20^ giornata, venne a far visita al “Partenio-Adriano Lombardi” la Salernitana di Roberto Bollini, contro la quale gli Irpini diedero vita ad un Derby campano al cardiopalma, 3-2 finale fra mille emozioni. I padroni di casa sembravano averla chiusa già nel primo tempo, in vantaggio al 17’ con William Jidayi, e con il raddoppio di Matteo Ardemagni, arrivato in pieno recupero, poco prima dell’espulsione per somma di ammonizioni del salernitano Valerio Mantovani. Gli ospiti sembravano quindi in ginocchio, ma riuscirono a riaprire momentaneamente il match dopo circa 1 ora di gioco con Massimiliano Busellato, qualche minuto prima che fosse ristabilita la parità numerica con l’espulsione, sempre per doppia ammonizione, dell’Irpino Niccolò Belloni. Al 90’ ci pensò Daniele Verde a riportare a 2 le reti di vantaggio per i padroni di casa. Gara finita ? Macché ! Al 3’ minuto di recupero della partita Alfredo Donnarumma mise un po’ di pepe ad un match già bruciante con il gol definitivo.

Gli uomini di Novellino chiusero poi il girone di andata pareggiando senza gol in casa del Latina di Vincenzo Vivarini, aprendo  quello  di ritorno, nonché l’anno solare 2017, con il colpaccio 0-2 in casa del Brescia di Christian Brocchi, con la doppietta del bomber Ardemagni-in gol al 13’ ed al 95’.

Seguirono altri due pareggi consecutivi, 2-2 in casa contro la Virtus Entella di Roberto Breda e 0-0 in casa del Trapani di Alessandro Calori, prima dell’ultimo impegno, alla 24^ giornata-5^ di ritorno- colpaccio casalingo dei campani contro il Verona di Fabio Pecchia, battuto 2-0 e declassato da capolista-scavalcato di 2 lunghezze dal Frosinone, vincente 1-0 in casa contro il Carpi. Grande prova di forza per i campani, in gol solo nella ripresa dopo un primo tempo un po’ sofferto, prima con il calcio di rigore realizzato da Fabrizio Paghera e poi con il tiro di sinistro da fuori area di Daniele Verde, solo toccato ma nulla più dal portiere scaligero.

A suggellare il tutto, una tifoseria decisamente calda. 

Gli Irpini si trovano attualmente al 14° posto in solitaria, a quota 29 punti. La zona retrocessione è ancora non troppo lontana, soli 4 punti sotto, ma certamente l’obiettivo salvezza, a queste condizioni, sembra decisamente una concreta possibilità per la squadra che l’immortale Gianni Brera definì a “La Domenica Sportiva” nel 1980, in uno dei suoi oramai storici aforismi,  “la più bella realtà del calcio di provincia della storia italiana”.

Hai visto mai che i fasti del passato non possano ripetersi.

Salvatore Sabato

Informazioni sull'autore
Laureando in chimica industriale. Da sempre devoto alla cultura e al sapere. In generale, sapere, qualunque cosa, ritengo sia sempre importante. Una grande passione per il giornalismo. Anche - ma non solo - sportivo. Fiero di collaborare ormai da tempo a questo progetto.
Tutti i post di Salvatore Sabato