Volley, Superlega maschile: Milano vince contro Padova ma solo al tie-break

Partita molto più combattuta di quello che ci si aspettava sulla carta. L’Allianz Milano trova la sesta vittoria contro una Kione Padova poco costante ma che lotta fino all’ultimo punto. L’incontro alla Kioene Arena ha visto trionfare i lombardi solo al quinto set: 2-3 (16-25, 25-21, 15-25, 25-18, 11-15)

Le due squadre scendono in campo con le loro formazioni tipo.
Padova schiera Shoji al palleggio, Stern opposto, Milan e Wlodarczyk schiacciatori, Volpato e Vitello al centro con il libero Danani.
Milano risponde con la diagonale Sbertoli-Patry, le bande Maar e Ishikawa, i centrali Piano e Kozamernik e il libero Pesaresi.

Primo set

Milano comincia il match con un buon turno in battuta di Patry. Un ace dell’opposto francese e un muro di Piano portano subito avanti i milanesi (1-4). Un secondo punto diretto dai 9 metri, questa volta di Maar, porta il team ospite sul +5 e Cuttini si vede costretto a chiamare il primo time-out. Al rientro in campo è Piano a rubare la scena con un primo tempo e un ace (3-10). I ragazzi di Piazza cercano di mantenere il vantaggio giocando d’astuzia: Patry prima e Maar subito dopo mettono a segno i due punti successivi con dei pallonetti (6-13).

Sul 12-20 dopo un ulteriore errore della banda polacca, l’allenatore padovano ferma il gioco per la seconda volta. La Powervolley litiga troppo con il servizio mentre l’alzatore americano, Shoji, risponde con un ace. Piazza decide di chiamare a sua volta il time-out per riportare i suoi sulla giusta strada, che li porterà a chiudere il set 16 a 25.

Secondo set

Il centrale sloveno di Milano, autore di una prestazione opaca nel primo parziale, mostra subito le sue reali capacità mettendo a segno un muro, un primo tempo e un ace nei primi 3 punti. La squadra di casa si affida al neoentrato Bottolo, il quale con due attacchi ben piazzati riporta in vantaggio i suoi (4-3). Padova ritrova il suo ritmo gara e guidata dal suo capitano Volpato trova il vantaggio del +3 (7-4). L’opposto brasiliano Weber, appena entrato insieme a Daldello, da il suo contributo mettendo a tabellino il primo punto della sua partita (11-7).

Milano cerca il riscatto con una pipe di Basic appena subentrato a Maar ma è un attacco in posto 2 di Wlodarczyk a distruggere le speranze degli ospiti. Sarà ancora il classe 2000, Bottolo, a tenere in carreggiata i padovani, costringendo Piazza a chiamare il time-out (17-12). Sono le bande milanesi a tenere a galla la squadra, riducendo lo svantaggio (18-16). Si fa ancora sentire Ishikawa con un importante muro del – 1 (19-18). È l’ace di Shoji a dare sicurezza ai padroni di casa (21-18). Saranno poi i due attacchi di Bottolo, protagonista indiscusso della partita, a chiudere il set.

Terzo set

Il terzo parziale è un monologo esclusivo solo dei ragazzi di Piazza. Maar torna in campo da titolare e mette a segno il primo punto seguito da un muro (0-2). Kozarmenik continua la sua prestazione positiva con un altro punto diretto dalla linea dei 9 metri (0-3). Non basta la reazione di Bottolo per l’1-4; ai padovani non riesce più nulla e Cuttini ferma il gioco (1-6). Il gioco continua al centro con i primi tempi di Volpato e Piano (2-7). Ishikawa infierisce con un pallonetto a cui risponde Bottolo in pipe (5-10). La Kioene cerca una reazione con due ottimi primi tempi di Vitelli (8-16) ma il gap di punti è ancora troppo. Padova cerca una giusta scossa con l’entrata sul taraflex del secondo palleggiatore Ferrato. L’ace di Milan non basta ai padroni di casi per riuscire nell’impresa del recupero.

Quarto set

La situazione si capovolge completamente, Padova lotta e non lascia margine di errore a una Milano ancora troppo altalenante. Dopo due brutti errori delle bande lombarde (5-2), Piazza chiama subito il time-out. Saranno i due ace di Vitelli e il muro di Volpato (9-3) a costringere l’allenatore meneghino a fermare il gioco nuovamente. Ora Padova si affida completamente al suo opposto sloveno che firma il punto numero 12 (12-6). Basic che si alterna con Maar ora è l’unico nel campo milanese che prova a resistere ai colpi di Stern e compagni. Piazza si gioca la carta Leandro Mosca al centro; dopo un primo errore mette a terra un ottimo attacco (21-12). Nemmeno l’ace di Basic sul 23 a 17 permette agli ospiti di chiudere la partita.

Quinto set

Sbertoli mette subito in chiaro le cose e segna il primo punto diretto in battuta. Maar ritrova il campo e porta avanti i suoi con due ottime diagonali strette e altri due attacchi da posto 4 (3-6). Cuttini chiama il time-out e Vitelli risponde sul campo con un primo tempo (4-6). Ancora Bottolo torna protagonista dalla prima linea (5-7). Sull’errore di Stern in battuta si va al cambio campo (6-8). Si scatena la furia della banda giapponese di Milano che porta gli ospiti al match point (9-14); sarà il suo compagno di reparto a chiudere la partita con una pipe.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus