Volley, risultati Serie A1 femminile: l’Imoco soffre, ma batte Brescia 3-0

Non c’è ostacolo che tenga per l’Imoco Volley Conegliano, che nell’ultima gara valevole per la Serie A1 di volley femminile in questo 2020, ha battuto Brescia 3-0 dopo un match più complicato del previsto. La squadra di Mazzola ha infatti condotto le danze per i primi due set, sfiorando la vittoria del primo parziale. Ci ha pensato una splendida Omoruyi a spaccare il terzo set e consegnare tre punti meritati alla propria squadra.

Serie A1 femminile volley: il racconto di Imoco-Brescia 3-0

Santarelli si diverte a comporre e scomporre il suo sestetto titolare come un meraviglioso cubo di Rubrik che offre sempre soluzioni vincenti. A scendere in campo sono la diagonale Wolosz-Gicquel, le centrali Fahr-Butigan e le schiacciatrici Hill-Omoruyi. De Gennaro è il libero.

Sorride meno coach Mazzola, costretto a giocare con una sola centrale titolare (Botezat) e a reinventare Jasper in quel ruolo, con Cvetnic e Biganzoli bande titolari. La diagonale è composta da Nicoletti-Bechis, mentre il libero è Parlangeli.

Nonostante le assenze, Brescia si dimostra squadra coriacea e, dopo aver subito un primo break sul 6-3 con due punti consecutivi di Butigan, ricuce lo strappo con una buona pipe di Jasper da seconda linea.

Wolosz mura Cvetnic e mantiene le compagne a due lunghezze di vantaggio (10-8). Ma è proprio un ace della croata a riportare il punteggio in parità, prima che un buon break da parte di Nicoletti conduca Brescia sull’11-13, inducendo Santarelli a chiamare tempo.

Hill e Gicquel mantengono l’Imoco in scia, ma una diagonale di Biganzoli fa scappare le lombarde sul 13-16.

L’Imoco ricuce subito lo svantaggio grazie a due errori di Jasper e a una diagonale di Gicquel. Poi il set procede sul filo dell’equilibrio, rotto da un muro di Fahr su Jasper (21-19).

L’Imoco mantiene intatte le due lunghezze di vantaggio e chiude il set sul punteggio di 25-22 sfruttando un pallonetto velenoso di Hill.

Il secondo parziale si apre con Brescia che conquista un doppio break di vantaggio grazie ad un ace di Cvetnic e a Jasper che attacca sulle mani scomposte di Wolosz a muro.

La squadra lombarda riesce a trovare addirittura un importante 4-7 grazie ad un tocco di Bechis sottorete, ma poi l’Imoco va a segno dai nove metri con Fahr, quattro gli ace della sua gara, e trova un monster block di Butigan su Nicoletti, staccata da rete, per l’8 pari.

Un ace di Hill su Nicoletti consente alle “Pantere” di scattare in avanti e poi prendere il largo sulk 15-12, grazie a due punti consecutivi di Omoruyi.

Nrescia prova a rifarsi sotto dopo aver sofferto un altro muro, stavolta di Gicquel, ai danni di Biganzoli (18-14). La squadra di Mazzola accorcia fino al 19-18, out una parallela di Hill, ma poi un errore banale di Biganzoli al servizio toglie alle lombarde la possibilità di pareggiare.

Il set si mantiene dunque sul filo del rasoio sino alle sue fasi decisive, quando un primo tempo di Butigan e un attacco in diagonale di Gicquel chiudono i conti sul 25-23.

Terzo parziale meno combattuto rispetto ai due precedenti, anche perché Brescia dura solo fino a metà set, per poi crollare sotto i colpi di un’incredibile Omoruyi.

Dopo essere state in vantaggio 6-8 con un attacco intelligente di Cvetnic sulle mani del muro, le ragazze di Mazzola si fanno raggiungere da un block di Gicquel sulla stessa giocatrice croata (9-9), poi perdono terreno sul 14-11, con Omoruyi che mura Jasper.

La giovane schiacciatrice si rende protagonista con diversi punti in serie che portano le compagne a sei lunghezze di vantaggio (19-13), poi un ace di Wolosz rende impossibile la rimonta per le ragazze bresciane (20-13).

Senza correre ulteriori rischi, infatti, la squadra di Santarelli chiude sul 25-17, con Butigan che mette a segno un primo tempo che le vale il dodicesimo punto della propria partita, nonché il premio di MVP assegnatole dalla sala stampa.

Il nostro premio MVP è invece appannaggio di Anna Nicoletti, vera trascinatrice, con i suoi 16 punti, di una Brescia che si è presentata al Palaverde senza tanti timori reverenziali, cedendo solo nel finale di match. La capolista, pur soffrendo e commettendo più errori del solito, ha dimostrato ancora una volta di poter variare senza troppi problemi le proprie interpreti sul taraflex.

I punti di vantaggio su Novara, seconda, sono sempre otto (45 a 37), dacché la squadra di Lavarini ha avuto ragione del Bisonte Firenze con un netto 3-0 al PalaMandela, nell’altro match in programma quest’oggi.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus