Video Gol Highlights Polonia-Argentina 0-2: Sintesi 30-11-2022

Video Gol e Highlights Polonia-Argentina 0-2, 3° Giornata Gruppo C Mondiali Qatar 2022: i gol di MacAllister e Álvarez regalano il primo posto nel girone all’Albiceleste. Polonia qualificata per la differenza reti.

Polonia-Argentina 0-2: i gol di MacAllister e Álvarez qualificano i sudamericani al primo posto nel gruppo C.

Partita dominata dall’Albiceleste, che si trova davanti un grande Szczesny, autore di 12 parate, sbaglia un rigore, ma alla fine riesce a spuntarla dimostrando che la sconfitta contro l’Arabia, all’esordio, era stato solo un incidente di percorso.

Polonia mai pericolosa, che si salva solo per la differenza reti, visto che il Messico, in vantaggio 2-0, subisce nell’ultimo minuto di recupero il gol di Al-Dossari.

Pericolo scampato per la squadra di Michniewicz, che per lunghi tratti del secondo tempo é rimasta aggrappata alla regola del fair play (aveva incassato due ammonizioni in meno rispetto ai messicani).

Agli ottavi si giocheranno, dunque, Polonia-Francia e Australia-Argentina.

Dove vedere Mondiali Qatar

Sintesi di Polonia-Argentina 0-2

Dominio argentino nel primo tempo: Messi prova da fuori, ma Szczesny dà un saggio di quello che sarà il tema della prima frazione, mettendo in angolo.

Messi combina con Di Maria, poco dopo, ma il tiro del “Fideo” viene ribattuto dalla difesa. Ancora i due fenomeni argentini scambiano sulla trequarti, con Messi che si trova a calciare da posizione defilata. C’è ancora Szczesny a dire di no.

Continuano a premere i sudamericani: ci prova Acuna, con un destro al volo, ma spedisce la palla abbondantemente alta.

L’Albiceleste ha il pieno controllo della partita, e con il passare dei minuti è sempre più una sfida al portiere della Juventus: ci prova ancora Di Maria, addirittura da calcio d’angolo, ma il polacco sventa nuovamente la minaccia.

Gara che potrebbe cambiare a dieci minuti dal termine, quando in uscita proprio Szczesny sferra una manata sul volto di Messi.

Per il VAR è rigore: va la “Pulce” dagli undici metri, ma Szczesny gli nega la gioia del gol, mettendo in corner.

L’imbattibilità del portiere polacco prosegue anche sui tentativi di Alvarez (murato a porta vuota da un difensore) e Di Maria, negli ultimi minuti del primo tempo, e le squadre vanno al riposo sullo 0-0.

Il gol argentino arriva a inizio secondo tempo con MacAllister: Molina sfonda sulla destra e pesca, con un rasoterra, il centrocampista del Brighton. Szczesny non può nulla sul preciso diagonale scoccato dal classe ’98.

Duro colpo per la Polonia, che nell’intervallo aveva dato spazio a Skoras e Kaminski per rinforzare il centrocampo nel tentativo di mettere al sicuro il punto che avrebbe significato qualificazione.

Proprio Kaminski fa sentire il suo impatto con un cross da calcio piazzato: colpo di testa di Glik che finisce di poco al lato.

L’Argentina continua, comunque, a tenere il pallino del gioco: Messi prova l’azione pesonale partendo da centrocampo, ma al momento di calciare con l’esterno mette fuori.

Ancora Messi, si incunea in area sulla destra e mette in mezzo per Álvarez, che non riesce a trovare lo specchio.

Scaloni mischia un po’ le carte in tavola con gli ingressi di Paredes e Tagliafico per Di Maria e Acuña.

Proprio Tagliafico riceve uno splendido suggerimento di Messi, e mette in mezzo per l’accorrente MacAllister. Il centrocampista trova Szczesny a negargli la doppietta.

Il raddoppio arriva comunque con Julian Álvarez, fin lì sfortunato in zona gol: l’esterno del Manchester sfonda per vie centrali ed esplode un destro sul quale Szczesny non può nulla.

Prova a mettere il punto esclamativo Messi, servito dalla destra da un cross di Fernandez. Szczesny, nuovamente provvidenziale, respinge con i piedi.

Ancora Messi, in verticale, per Álvarez: la Polonia, appesa a un filo, saluta come una liberazione il tiro che si spegne sull’esterno della rete.

Lewandowski e compagni restano col fiato sospeso: il Messico sta vincendo 2-0 sull’Arabia, pareggiando la differenza reti, e il discorso qualificazione resta legato al fattore fair play (con i polacchi in vantaggio 4-6 in fatto di ammonizioni).

Un gol potrebbe cambiare le sorti del gruppo, e il CT Michniewicz inserisce Piatek alla ricerca di un gol che sarebbe vitale.

Però è l’Argentina a sfiorare il 3-0, con un tiro di Lautaro che finisce largo. La Polonia rischia di capitolare, nel recupero, su un tiro di Tagliafico ben innescato in verticale. Kwior salva sulla linea e tiene a galla la sua squadra.

Il risultato non cambierà più, e siccome neanche il Messico riesce a segnare il terzo contro l’Arabia, anzi subisce il gol dell’1-2 la Polonia ha accesso agli ottavi per la differenza reti: 0 a -1.

L’Argentina vince il raggruppamento dopo il brutto esordio contro l’Arabia Saudita, che da par suo non è riuscita a replicare l’enorme agonismo che aveva messo in campo proprio contro i sudamericani.

Highlights e Video Gol di Polonia-Argentina 0-2

Tabellino di Polonia-Argentina 0-2

POLONIA (4-3-1-2): Szczesny; Bereszynski (Jedrejczyk 72′), Kiwior, Glik, Cash; Bielik (Szymanski 62′), Krychowiak (Piatek 84′), Frankowski (Skoras 45′); Zielinski; Swiderski (Kaminski 45′), Lewandowski.

A disposizione: Skorupski, Grabara, Jedrejczyk, Wieteska, Bednarek, Milik, D. Szymanski, Grosicki, Kaminski, Zurkowski, S, Szymanski, Zalewski, Piatek, Gumny, Skoras

CT: Michniewicz.

ARGENTINA (4-2-3-1): Martinez; Acuña (Tagliafico 58′), Romero, Otamendi, Molina; Fernandez (Pezzella 79′), MacAllister (Almada 84′); De Paul, Messi, Di Maria (Paredes 58′); Álvarez (Lautaro 79′).

A disposizione: Armani, Rulli, Foyth, Tagliafico, Montiel, Paredes, Pezzella, Palacios, Correa, Almada, Gomez, Rodriguez, Dybala, La. Martinez, Li. Martinez

CT: Scaloni. 

Marcatori: 47′ MacAllister (A), 67′ Álvarez (A)

Arbitro: Makkelie (Ned)

Ammoniti:

Espulsi: