Video Gol Highlights Napoli-Fiorentina 2-5: Sintesi Coppa Italia 13-1-2022

Video Gol e Highlights Napoli-Fiorentina 2-5, Ottavi di finale Coppa Italia: segnano Vlahovic, Mertens, Biraghi, Petagna, Venuti, Piatek e Maleh, espulsi Dragowski, Lozano e Fabian Ruiz

Colpaccio della Fiorentina, che al termine di una partita infinita batte il Napoli allo Stadio Diego Armando Maradona di Napoli, conosciuto anche come Stadio San Paolo, nel secondo degli ottavi di finale di Coppa Italia.

Vittoria bellissima dei toscani, che si qualificano ai quarti di finale, dove affronteranno l’Atalanta, vincente contro il Venezia, dopo aver superato i trentaduesimi e i sedicesimi di finale eliminando Benevento e Cosenza.

Brutta sconfitta inaspettata e clamorosa per i partenopei, che vengono subito eliminati dalla competizione al primo turno otto anni dopo l’ultima volta.

Sintesi di Napoli-Fiorentina 2-5

Solo una sorpresa per Luciano Spalletti, che deve fare a meno di Koulibaly, Anguissa e Ounas, convocati dalle rispettive nazionali per disputare la Coppa d’Africa, il lungodegente Osimhen, in procinto di tornare a disposizione dopo due mesi, ai quasi si sono aggiunti capitan Insigne, Mario Rui e Zielinski, positivo al Covid-19. A porta c’è ancora Ospina, preferito al rientrante Meret, mentre in difesa esordio dal primo minuto per Tuanzebe al fianco di Rrahmani nel quartetto completato dal solito Di Lorenzo e il confermato Ghoulam. In mediana solo panchina per Fabian Ruiz, ancora una volta sostituito da Lobotka e Demme, mentre sulla trequarti torna dal primo minuto Elmas con Mertens e Politano alle spalle di Petagna, decisivo nell’ultimo match.

Qualche problema per Vincenzo Italiano, che non può contare su Martinez Quarta, Benassi e Sottil, oltre ad Amrabat, convocato in nazionale per disputare la Coppa d’Africa. A porta si rivede Dragowski dopo più di tre mesi, così come in difesa c’è una chance importantissima per Nastasic e Venuti al fianco di Milenkovic e capitan Biraghi. In mediana spazio a Duncan con Torreira e Castrovilli, mentre in attacco solo panchina per i neo acquisti Ikone e Piatek e l’ex Callejon, peggiore in campo nell’ultima uscita, visto che il tridente è formato da Saponara, Vlahovic e Nico Gonzalez.

E’ una partita molto equilibrata e tattica nel primo tempo, disputato su ritmi abbastanza blandi. Gli ospiti fanno maggiormente possesso palla, mentre i padroni di casa si difendono con ordine e compattezza, per poi tentare di ripartire in contropiede.

Gli ospiti sono molto più pericolosi in attacco con un Vlahovic sempre bravo con il sinistro, ma Ospina fa il fenomeno e salva con un volo d’angelo, mentre il colpo di testa di Milenkovic, su sviluppi di un calcio piazzato, viene fermato dalla traversa.

L’unica occasione dei padroni di casa è nei piedi di Elmas, sempre molto bravo con i suoi tagli dalla sinistra al centro, ma tira addosso a Dragowski poco prima dell’ammonizione di Duncan, che fa un fallo inutile e brutto su Di Lorenzo, mentre Politano non riesce a concludere con precisione di destro.

Al 41′ minuto gli ospiti sbloccano meritatamente il risultato trovando il gol del vantaggio con una magica giocata di Vlahovic, che con lo stop su assist di Saponara, dopo il cambio di gioco di Nico Gonzalez, salta Tuanzebe e di sinistro batte Ospina.

I padroni di casa riescono a pareggiare al 44′ minuto con un’altra clamorosa magia, questa volta di Mertens, che risolve una palla contesa tra Milenkovic e Petagna superando Dragowski, che aveva sbagliato il passaggio in uscita, con il solito pallonetto geniale sul secondo palo.

Nel finale c’è ancora tempo per un’altra clamorosa frittata di Dragowski, che stende Elmas da ultimo uomo al 47′ minuto per ovviare all’uscita a vuoto su tentativo di retropassaggio di testa di Venuti su un cambio di gioco di Di Lorenzo, venendo quindi espulso, costringendo l’inserimento di Terracciano al posto di Duncan.

Il secondo tempo si apre con due sostituzioni, uno a testa: i padroni di casa cambiano Ospina acciaccato per Mertens, mentre gli ospiti inseriscono Maleh per Saponara con lo scopo di dare un po’ di equilibrio a centrocampo e maggiore copertura.

E, infatti, la superiorità numerica comincia a farsi sentire a favore dei padroni di casa, che iniziano un vero e proprio monologo, ben presto trasformatisi in un assedio alla difesa degli ospiti, completamente arrocchiti nella propria metà campo.

Dopo un tentativo impreciso di Petagna, ci pensa Terracciano a salvare il risultato sul colpo di testa di Demme prima dell’ammonizione comminata a Rrahmani per un’entrata pericolosa su Nico Gonzalez.

Al 58′ minuto, clamorosamente ed inaspettatamente, gli ospiti passano nuovamente in vantaggio trovando il gol con un sinistro chirurgico di Biraghi, sinistro a giro sul secondo palo imparabile per Meret, su sviluppi di un calcio piazzato.

Grande reazione da parte dei padroni di casa, che riprendono in mano il pallino del gioco e tornano ad attaccare a testa bassa, costringendo Castrovilli al giallo e provando a cambiare qualcosa con l’entrata in campo di Lozano e Fabian Ruiz per Politano e Demme, ma rischiano sul cross di Biraghi per Nico Gonzalez, tiro in curva.

Esce Vlahovic ed entra esordendo Piatek, ma gli ospiti non riescono più ad uscire dalla propria metà campo, completamente schiacciati dai padroni di casa, tra i quali viene ammonito Fabian Ruiz, che sfiorano il pareggio con la bellissima giocata personale di Lozano, che colpisce il palo.

Al 84′ minuto viene espulso con rosso diretto proprio Lozano per un bruttissimo fallo su Nico Gonzalez, grazie alla segnalazione del VAR, viene ammonito Tuanzebe ed è tempo delle ultime sostituzioni con l’entrata in campo di Malcuit, Cioffi, Bonaventura e Ikone al posto di Ghoulam, Cioffi, Nico Gonzalez e Castrovilli.

C’è ancora tempo per l’espulsione di Fabian Ruiz al 94′ minuto per doppia ammonizione, dopo il clamoroso errore di Petagna sotto porta.

Nel finale al 96′ minuto i padroni di casa segnano il gol del pareggio con Petagna, tap-in vincente sul cross rasoterra di Malcuit proprio all’ultimo secondo, che vale i tempi supplementari.

Nei tempi supplementari entrano Igor e Juan Jesus al posto di Nastasic e Petagna e si assiste all’assalto degli ospiti, con un uomo in più, contro padroni di casa, che non fanno altro che difendersi nella propria area di rigore.

Dopo un miracolo di Meret su Maleh, al 106′ minuto gli ospiti trovano il gol del vantaggio per la terza volta con un bel destro al volo di Venuti proprio su cross del centrocampista.

E al 108′ minuto gli ospiti chiudono i giochi con Piatek, gol all’esordio al termine di una bella azione corale, su assist di uno scatenato Venuti.

Nel finale c’è ancora tempo per il gol di Maleh al 119′ minuto al termine di un altro contropiede su assist di Ikone, dopo l’attenzione di Meret sul tentativo di Milenkovic.

Highlights e Video Gol di Napoli-Fiorentina 2-5:

Tabellino di Napoli-Fiorentina 2-5

NAPOLI (4-2-3-1): Ospina (45’ Meret), Di Lorenzo, Tuanzebe, Rrahamani, Ghoulam (85’ Malcuit); Lobotka (91’ Cioffi), Demme (64’ Fabian Ruiz); Politano (64’ Lozano), Mertens, Elmas; Petagna (94’ Juan Jesus). All. Spalletti.

FIORENTINA (4-3-3): Dragowski; Venuti, Milenkovic, Nastasic, Biraghi; Castrovilli (90’ Ikoné), Torreira, Duncan (47’ Terracciano) ; Nico Gonzalez (90’ Bonaventura), Vlahovic (74’ Piatek), Saponara (45 Maleh). Allenatore: Italiano.

Arbitro: Giovanni Ayroldi.

Gol: 42’ Vlahovic (F), 44’ Mertens (N), 57’ Biraghi (F), 95’ Petagna (N), 106’ Venuti (F), 108’ Piatek (F), 119’ Maleh (F)

Assist: Saponara (F), malcuit (N), Maleh (F), Venuti (F), Ikoné (F)

Ammoniti: Duncan (F), Rrahmani (N), Fabian Ruiz (N), Lozano (N), Tuanzebe (N)

Espulsi: 47’ Dragowski (F), 83’ Lozano (N), 90+4’ Fabian Ruiz (N)

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Benito Letizia

Informazioni sull'autore
Direttore di Stadiosport. Giornalista Pubblicista, Laureato in Lettere Moderne e Filologia Moderna presso l’Università Federico II di Napoli. "Il calcio è vita".
Tutti i post di Benito Letizia