Video gol-highlights Lecce-Parma 3-4: sintesi 2-8-2020

Video gol highlights Lecce-Parma: finisce con un pirotecnico 3-4 che condanna i salentini alla B

Alla fine non è bastato l’orgoglio: il Lecce perde 3-4 con il Parma e saluta la Serie A complice la concomitante vittoria del Genoa (3-0) ai danni del Verona. Una gara che sintetizza bene quella che è stata la stagione dei giallorossi i quali, nonostante abbiano mostrato una buona mole di gioco anche oggi, scontano eccessive disattenzioni difensive e qualche errore di troppo nelle azioni decisive, con Mancosu che ha fallito almeno un paio di gol già fatti. Le basi per un pronto ritorno in Serie A ci sono, resta da capire quale sarà il futuro della squadra, a partire da chi siederà in panchina il prossimo anno.

Lecce-Parma
Logo della Serie A, fonte pagina “Facebook” ufficiale della medesima competizione

Lecce-Parma: la sintesi della partita

La partita inizia, come prevedibile, col Lecce che prova a controllare il gioco attraverso il possesso palla. Però è il Parma a colpire per prima con Caprari, in contropiede. La conclusione dell’ex Roma e Pescara è respinta da Gabriel. Ancora il Parma va vicino al gol con un’azione dalla sinistra conclusa con un tiro alto da Kulusevski, ma il Lecce appare vivo nei primi minuti e il Parma è costretto a stare basso a protezione della porta di Sepe.

Il Lecce ci prova con una conclusione strozzata di Barak parata da Sepe, ma passa in svantaggio con un autorete di Lucioni un po’ rocambolesca: Hernani entra in area dalla destra e, calciando, coglie il palo. Sulla respinta, deviazione sfortunata di Lucioni che la mette nella sua porta. Con il passare dei minuti il Parma cresce e va ancora vicino al gol con una combinazione Kulusevski-Caprari dal limite dell’area: l’ex Roma spreca calciando fuori.

La partita continua sulla stessa direttrice per gran parte del primo tempo con il Lecce che prova a chiudere i propri avversari nella trequarti, ma si rivela inconsistente nell’andare a concludere e il Parma che sfrutta gli ampi spazi concessi sulle fasce per colpire in contropiede: lo rifa al 23′, quando una nuova incursione di Hernani sulla destra porta al raddoppio di Caprari con un gran destro che non lascia scampo a Gabriel. Il Lecce si divora letteralmente l’occasione di rientrare in partita con Mancosu che, a porta vuota, si “incarta” sul pallone e non riesce a capitalizzare un assist dalla sinistra di Lapadula, bravo a recuperare il pallone in area.

Qualche minuto dopo, però, lo stesso Mancosu riesce a riscattarsi con l’assist per il gol del 2-1 messo a segno da Barak di testa a porta sguarnita. Mancosu fa e disfa in questo match, dacché sul finire del primo tempo sciupa l’occasione per pareggiare tirando tra le braccia di Sepe un “cioccolatino” servitogli da Saponara.

Il Lecce dà comunque l’impressione di poter prendersi il pareggio e ci riesce con Meccariello che, di testa, finalizza un cross dalla sinistra di Falco. Il primo tempo si chiude dunque sul 2-2 con un Lecce pienamente tornato in partita, ma con un orecchio attento a “Marassi” dove il Genoa batte 3-0 il Verona.

Il secondo tempo inizia comprensibilmenmte con un Lecce votato all’attacco e che va vicino al vantaggio con una conclusione di Falcco bloccata da Sepe. Però è il Parma a trovare ancora il gol con Cornelius, lasciato colpevolmente solo all’interno dell’area di rigore, a correggere in rete un tiro senza pretese di Barillà. Il Lecce prova subito a reagire con Mancosu che, di sinistro, manda fuori imbeccato in area da Saponara. Liverani poi prova a cambiare le carte in gioco inserendo Shakhov, Majer e Petriccione al posto di Falco, Mancosu e Tachtsidis, mentre il Parma cambia il riferimento centrale con Inglese che prende il posto di Cornelius.

Il Lecce, complice un po’ di stanchezza, si abbassa troppo e subisce anche il gol del 4-2 con Inglese che, completamente solo in area, non ha problemi a finalizzare un cross di Barillà dalla sinistra. Su un’immediato capovolgimento di fronte Lapadula accorcia nuovamente di testa, ribadendo in rete una respinta del palo. Nel Parma, che non vuole lascare nulla al caso, entra anche Gervinho al posto di Kulusevski. Nell’ultima fase del match le squadre si allungano molto e il Lecce rischia di subire il quinto gol con Inglese che calcia debolmente su Gabriel dopo aver avuto a disposizione una vera prateria davanti a sé. Su una palla persa da Petriccione al limite dell’area il Parma va ancora vicino al quinto gol con un tiro respinto da Gabriel. Il Lecce non ne ha piùe negli ultimi minuti non riesce a portare reali pericoli alla squadra avversaria, rischiando di capitolare su un destro che Siligardi spedisce alto. Una vittoria non sarebbe comunque servita, in quanto contemporaneamente il Genoa ha battuto il Verona per 3-0. La squadra salentina scende dunque in B nonostante il buon gioco espresso (52 gol messi a segno). la squadra di Liverani sconta la difesa peggiore d’Europa, capace di subire 85 gol, davvero troppi per pensare alla salvezza.

Video gol-highlights Lecce-Parma

Lecce-Parma: il tabellino del match

Lecce-Parma 3-4: 10′ Lucioni (OG, L), 23′ Caprari (P), 39′ Barak (L), 45′ Meccariello (L), 52′ Kulusevski (P), 65′ Inglese (P), 68′ Lapadula (L)

LECCE (4-3-2-1): Gabriel; Donati, Lucioni, Meccariello (Monterisi 88′), Dell’Orco (Vera 70′); Mancosu (Majer 60′), Tachtsidis (Petriccione 60′), Barak; Falco (Shakhov 60′), Saponara; Lapadula. Allenatore: Liverani

PARMA (4-3-3): Sepe; Laurini (Regini 53′), Bruno Alves (Dermaku 45′), Gagliolo, Darmian; Kurtic, Hernani (Siligardi 53′), Barillà; Kulkusevski (Gervinho 70′), Cornelius (Inglese 62′), Caprari. Allenatore: D’Aversa

Arbitro: Mariani (Aprilia)

Ammoniti: Kurtic (P), B. Alves (P)

Espulsi: