Ufficiale, iter burocratico finito: approvato progetto stadio della Roma

La Conferenza dei Servizi del comune di Roma ha finalmente dato il via libera allo stadio della Roma, lo stadio di proprietà della società giallorossa verrà quindi costruito. La decisione è stata presa al termine della seduta nella sede della Regione Lazio di via del Giorgione. 

roma

 

Dopo anni di chiacchiere, dietrofront, polemiche infinite fra politica e calcio, alla fine il progetto dello Stadio della Roma ha finalmente ottenuto il via libera. Il dg giallorosso ha ottimisticamente parlato di avviare la costruzione dello Stadio di proprietà dei giallorossi ad aprile-maggio e di giocare la prima partita ad agosto 2020

Ora la presidenza della Conferenza dei servizi dovrà redarre l’atto conclusivo, che conterrà un documento unico sugli esiti dei lavori, il documento tornerà al Comune di Roma, l’Assemblea capitolina dovrà quindi adottare la variante urbanistica raccogliendo osservazioni con le relative controdeduzioni e lo schema di Convenzione urbanistica.

Una volta superato quest’altro piccolo scoglio burocratico si tornerà in Regione: sarà la giunta di via Cristoforo Colombo che darà finalmente il via libera per la costruzione, che a questo punto dovrà cominciare nel prossimo anno, con ottimismo si pensa al primo semestre, con realismo più al secondo.

La Regione è rimasta ferma su un punto: il “ponte di Traiano”, sul quale era emersa giorni fa la disponibilità a un intervento da parte dei ministeri dello Sport e delle Infrastrutture, deve essere realizzato, e toccherà al Campidoglio decidere se avrà la possibilità di farlo economicamente. Dovrà essere potenziata anche la Roma-Lido, ma i lavori saranno finanziati dai proponenti e dal Comune.