Tennis, WTA Ostrava: Svitolina, Pliskova ed Azarenka per uno degli ultimi tornei dell’anno

Se il circuito maschile può contare comunque su un buon numero di eventi e, soprattutto, delle Finals di Londra in questa coda della stagione 2020, il circuito WTA, che punta molto sulla tournée asiatica, ha dovuto cancellare numerosi tornei senza procurarne di nuovi.

Eccezion fatta per questo evento ad Ostrava che, nonostante le rigide chiusure a cui è sottoposta la Repubblica Ceca in questo momento della pandemia, ha fatto di tutto per organizzare il torneo creando per le giocatrici al via una nuova bolla.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Il torneo può contare su numerose protagoniste ed un’entry list di tutto rispetto sintomo di una voglia di giocare e di competere che caratterizza quindi anche il circuito femminile ma che, ad oggi, vista la sola ulteriore presenza del torneo di Linz, sembra non produrre effetti.

Intanto, però, lo spettacolo fa tappa ad Ostrava che, al via, presenta ben due top ten, la numero cinque e la numero sei del mondo, Elina Svitolina e Karolina Pliskova, oltre alle due bielorusse Aryna Sabalenka e Victoria Azarenka, rispettivamente dodici e quattordici del ranking WTA.

A completare il seeding ci sono Petra Martic, Elena Rybakina, Elise Mertens ed Anett Kontaveit mentre spicca nel tabellone la presenza delle giovani statunitensi Amanda Anisimova e Cori Gauff, così come quella di una campionessa slam come Jelena Ostapenko.

Per quanto riguarda le azzurre, invece, era presente la sola Jasmine Paolini nel tabellone di qualificazioni ma la sua corsa si è interrotta subito, eliminata all’esordio dall’olandese Arantxa Rus (6-4 6-3).

QUI, per il tabellone del WTA Premier di Ostrava.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini