Tennis, WTA Ostrava: Sakkari elimina Svitolina, in rimonta Azarenka

Cuore della settimana e piano piano il WTA Premier di Ostrava inizia a mandare in scena le principali favorite per la vittoria del torneo anche se, in realtà, le sorprese continuano a non mancare.

A partire dall’uscita di scena immediata, all’esordio, della prima favorita del seeding e numero cinque del mondo Elina Svitolina che, piuttosto nettamente, in due set, ha ceduto alla greca Maria Sakkari (6-3 6-3).

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Fuori anche la numero otto del tabellone, l’estone Anett Kontaveit che, dopo essersi salvata a più riprese nel suo match d’esordio contro la russa Alexandrova, ha sbattuto, un po’ a sorpresa, contro la qualificata spagnola Sara Sorribes Tormo (6-1 6-4).

Si salva e vince in rimonta, invece, la quarta testa di serie, l’ex numero uno del mondo Victoria Azarenka che, dopo aver ceduto nettamente il primo set, ha dominato nello score i successivi due parziali contro la qualificata ceca Barbora Krejcikova (2-6 6-2 6-1) sconfitta in più di due ore di gioco.

Per quanto riguarda, invece, gli ultimi due incontri di primo turno ancora da completare, vittorie in due set per la lettone Jelena Ostapenko e per la belga Elise Mertens rispettivamente contro la croata Petra Martic (6-3 6-1), numero cinque del seeding, e la statunitense Amanda Anisimova (6-2 6-3).

Oggi, tra le cinque partite previste in programma, attesa per gli esordi di Karolina Pliskova, seconda testa di serie, contro la russa Veronika Kudermetova e, soprattutto, di Aryna Sabalenka, terza favorita del seeding, opposta all’astro nascente Cori Gauff.

QUI, per il tabellone aggiornato del WTA Premier di Ostrava.

QUI, per l’ordine di gioco di oggi.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini