Tennis, WTA Linz: avanza Alexandrova, subito fuori Yastremska, oggi le azzurre

Ultimo torneo dell’anno per il circuito femminile WTA a Linz, prima giornata di incontri già con qualche sorpresa ma anche con alcune conferme in attesa, quest’oggi, dell’esordio delle due azzurre in gara.

Avanza al secondo turno la testa di serie numero quattro, finalista due anni anni fa, Ekaterina Alexandrova che, in due set, in ottanta minuti di gioco, ha piegato la ceca Katerina Siniakova (6-3 6-4) contro la quale, prima di questo incontro, aveva un bilancio in perfetta parità, tre vittorie e tre sconfitte.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Nel prossimo turno per lei sarà derby tutto russo contro la numero novantacinque del ranking WTA, Varvara Gracheva che, in due set, ha eliminato l’ucraina Katarina Zavatska (6-4 7-5) rientrata in tabellone come lucky loser dopo aver perso nell’ultimo turno di qualificazione.

Subito fuori, invece, la numero tre del seeding, la giovane ucraina Dayana Yastremska che chiude malamente una stagione sì problematica ma per lei un po’ deludente, attesa dal grande salto di qualità, e fermata ieri dalla belga Greet Minnen (6-4 6-3), fuori dalla prime cento giocatrici del mondo.

Infine, fuori anche la numero otto del tabellone austriaco, una delle due tenniste non europee presenti nel main draw, la statunitense Bernarda Pera che ha racimolato appena quattro giochi contro la bielorussa Aliaksandra Sasnovich (6-3 6-1).

Oggi in campo entrambe le azzurre presenti, nel primo pomeriggio Camila Giorgi, campionessa qui nel 2018, attesa dalla spagnola Sara Sorribes Tormo, e non prima delle 17.30, invece, Jasmine Paolini che di fronte a sé troverà la numero uno del seeding Aryna Sabalenka.

QUI, per il tabellone aggiornato del WTA International di Linz.

QUI, per l’ordine di gioco di oggi.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini