Tennis, WTA: Kvitova sfida Kontaveit, forfait di Osaka

Come il circuito maschile, anche quello WTA femminile ha definito le due finali e, di conseguenza, le quattro giocatrici che si contenderanno nella giornata di domenica i due titoli in palio.

WTA PREMIER STOCCARDA

Conquista la finale al termine di una bella sfida terminata dopo tre set piuttosto intensi la ceca, due volte campionessa slam, Petra Kvitova che, nel Premier tedesco centra per la prima volta l’accesso all’atto conclusivo.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Kvitova, nella rivincita della finale di Madrid dello scorso anno, ha superato con uno score per certi versi simile a quello di quel precedente l’olandese Kiki Bertens elevando drasticamente la qualità del suo gioco nel terzo e decisivo set.

In finale, per Kvitova, che va alla caccia del secondo titolo stagionale dopo Sydney, ci sarà l’estone Anett Kontaveit che ha invece approfittato del forfait, senza nemmeno scendere in campo, della numero uno del mondo Naomi Osaka per un problema ai muscoli addominali.

WTA INTERNATIONAL ISTANBUL

Decisamente poca lotta, invece, nelle due semifinale dell’evento sulla terra rossa turca di Istanbul con un incontro terminato in poco più di un’ora e l’altro dopo solo un set.

La prima a strappare il pass per la finale è stata la giovanissima classe 1999 Marketa Vondrousova che, nel derby tutto ceco con la ben più esperta e veterana del circuito Barbora Strycova, ha avuto la meglio cedendo appena tre giochi.

In finale la diciannovenne ceca se la vedrà contro la croata Petra Martic, sesta testa di serie che ha approfittato del ritiro della sua avversaria, la russa Margarita Gasparyan dopo un solo set vinto agevolmente con il punteggio di 6-1.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini