Tennis, WTA Finals Singapore: arrivano i primi verdetti, Pliskova in semifinale, Ostapenko fuori

La terza giornata delle WTA Finals di Singapore ha emesso i primi verdetti del torneo con Karolina Pliskova che ha prima approfittato della sconfitta di Jelena Ostapenko, e poi sconfitto Muguruza per strappare il primo pass per le semifinali.

Il primo match di giornata ha messo l’una di fronte all’altra le due sconfitte della prima giornata, Venus Williams e Jelena Ostapenko, travolte rispettivamente da Pliskova e Mugurza ed in cerca di un pronto riscatto.

La partita inizia con entrambe le giocatrici un po’ contratte, consapevoli del fatto che potesse essere l’ultima chance per restare in vita nel girone, ed infatti sono tanti i vincenti ma sono soprattutto numerosi gli errori non forzati.

Ostapenko scappa avanti di un break ma si fa prontamente riprendere dalla più esperta avversaria che approfitta poi di alcuni sciagurati errori sul 5-5, strappa nuovamente il servizio alla lettone e fa suo il set.

Anche nel secondo Venus è in costante difficoltà sotto le potenti accelerazioni della campionessa di Parigi che però ha il demerito di fare e disfare e dopo essere scappata avanti ancora una volta di un break, si ritrova sotto, a suon di errori per 5-4 e match point contro.

Qui Ostapenko tira fuori l’orgoglio per rimanere a galla, slava il match point e trascina il set al tie break dove riesce sorprendentemente ad imporsi approfittando di pessimi percentuali al servizio di Venus, che non perdeva un gioco decisivo dallo scorso mese di gennaio, avendone vinti 8 consecutivi.

Esito rimandato al terzo set e tre ore di gioco ormai superate, la battaglia viene risolta a favore della giocatrice più abituata a certi palcoscenici, a certe pressioni e a certe incostanti emozioni.

E’ Venus infatti, a risolvere la pratica in suo favore dopo 3 ore e 13 minuti con la possibilità, giovedì, di giocarsi il tutto per tutto contro Garbine Muguruza.

La spagnola, recente numero uno del mondo, dopo aver superato Ostapenko all’esordio, è tornata in campo quest’oggi contro Karolina Pliskova, anche lei salita sul trono mondiale in questo 2017 per la prima volta.

Pliskova si presentava con un bilancio di 6 vittorie in 8 precedenti sfide ma avendo perso, nettamente, l’ultima giocata quest’anno a Cincinnati.

L’esito, a Singapore, è stato completamente diverso rispetto al match estivo nell’Ohio, e Pliskova ha fatto valere tutta la sua forza ed il suo strapotere fisico e tennistico per regalarsi l’accesso alle semifinali.

Troppo più forte, oggi, Pliskova, devastante con i colpi da fondocampo, con il servizio e con la risposta.

La ceca ha addirittura la chance di rifilare un sonoro 6-0 nel secondo set all’avversaria dopo aver già dominato il primo parziale concedendo appena due giochi.

Qui, al momento di chiudere, Pliskova concede qualcosa ma si riprende prontamente e strappa un’ultima volta il servizio a Muguruza siglando una vittoria estremamente prestigiosa e super convincente.

Con questo successo, come detto, Pliskova diventa la prima giocatrice a passare il girone e ad accedere alle semifinali, traguardo raggiunto per la prima volta in carriera alla seconda partecipazione e che significa già eliminazione per Ostapenko.

Garbine Muguruza, invece, si giocherà il tutto per tutto giovedì contro Venus Williams in un dentro o fuori mozzafiato tra due campionesse slam, ex numero uno del mondo, nella rivincita dell’ultima finale di Wimbledon.

RISULTATI TERZA GIORNATA WTA FINALS SINGAPORE 2017:

(3)K.Pliskova b. (2) G.Muguruza 6-2 6-2

(5) V.Williams b (7) J.Ostapenko 7-5 6-7(3) 7-5

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini