Tennis, WTA: Dayana Yastremska positiva al mesterolone, sospesa in maniera provvisoria

Nella giornata odierna l’ITF ha notificato una sospensione provvisoria alla tennista ucraina Dayana Yastremska, classe 2000, numero 29 della classifica mondiale, in seguito alla positività al mesterolone.

In seguito ad un controllo antidoping effettuato nel periodo di off-season, per l’esattezza lo scorso 24 novembre, la giovane di Odessa è risultata positiva al mesterolone, una sostanza proibita dal protocollo antidoping, un androgeno e steroide anabolizzante.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale Palermo Ladies Open)

La notizia della positività, notificata a Yastremska già alla fine dello scorso anno, ha condotto ad una sospensione per il momento provvisoria a partire da oggi, 7 gennaio, con la possibilità per la tennista di appellarsi ad un tribunale indipendente per spiegare la situazione.

Tramite un comunicato comparso sui suoi social, Yastremska si è detta stupita per la notizia avendo già effettuato pochi giorni prima, nel corso del torneo di Linz, ultimo torneo dell’anno, un controllo poi risultato negativo.

La giovane ucraina, già campionessa, appena ventenne, di ben tre titoli WTA, Hong Kong, Hua Hin e Strasburgo, ha poi aggiunto che la concentrazione rintracciata è davvero bassa e, essendo risultata pulita fino a pochi giorni prima, secondo una consultazione scientifica, potrebbe trattarsi di una contaminazione fortuita.

In attesa di conoscere l’evoluzione di questa storia al di fuori del rettangolo di gioco, nella volontà che il suo nome resti pulito, Yastremska ha chiuso dicendo che continuerà ad allenarsi e a lavorare con il suo team per farsi trovare pronta nel caso in cui il tribunale le assegni la ragione.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini