Tennis, Wimbledon 2018 Maschile: bentornato Djokovic, piega Nadal al quinto e torna in finale in uno slam

5 ore e 14 minuti, come se le 6 ore e rotti di ieri di Anderson contro Isner non fossero bastate nelle semifinali di Wimbledon. Novak Djokovic batte Rafael Nadal 10-8 al quinto e decisivo dopo più di cinque ore di autentica battaglia ed una notte intera di pensieri e dubbi.

Nole torna in finale in uno slam dopo più di due anni, dopo quella pazzesca vittoria a Parigi che gli consentì di conquistare il Grand Slam e, soprattutto, il Calendar Grand Slam, ovvero detenere contemporaneamente tutti e quattro i titoli slam, impresa che non è riuscita neppure a Federer e Nadal.

(Fonte: Twitter)

E proprio contro Nadal, Djokovic ha disputato oggi la prima semifinale slam dopo l’infortunio al gomito destro e, proprio contro il maiorchino, ha ottenuto la vittoria più importante dopo l’operazione.

Una partita pazzesca, di una intensità unica nella quale, anche lo sconfitto non potrà che essere comunque soddisfatto per il livello mostrato consapevole di essere stato battuto solo da un avversario impeccabile.

La versione Wimbledon 2018 di Novak Djokovic è decisamente vicina e simile a quella che solo poco più di due anni fa lasciava tutti a bocca aperta, una macchina di vincenti e di costanza di rendimento, eccezionale da fondocampo e dominante sul profilo fisico.

Forse ancora un pochino a corrente alternata, ma Nole è senza dubbio sulla strada del grande ritorno che potrà divenire domani realtà a tutti gli effetti.

Dopo aver conquistato per 11-9 il tie break del terzo set prima che la partita, alle ore 23 locali, venisse interrotta, ad emergere, spalle al muro, è stato Rafael Nadal desideroso di tornare in finale ai Championships dopo sette anni e quando perse in cinque set proprio contro Djokovic.

E infatti è Nadal a balzare avanti nel punteggio trascinando il match al quinto dove, in un continuo susseguirsi di intensi scambi, vincenti ed errori forzati, i due hanno dato vita ad un testa a testa memorabile.

(Fonte:Twitter)

Alla fine a trionfare è stato per un mix di maggiore coraggio e di brillantezza fisica superiore viste anche le minori fatiche fatte nel corso del torneo, il serbo ex numero uno del mondo, abile a strappare il servizio nel diciottesimo e conclusivo gioco del quinto set.

Una partita che entrerà, come quella di ieri, nella storia del torneo e nella storia del tennis, un po’ come l’intera giornata ed il necessario spostamento ad oggi della conclusione del match.

Una giornata lunghissima che ha riconsegnato al mondo del tennis un campione assoluto come Novak Djokovic, forse meno appariscente rispetto ai due grandissimi Federer e Nadal, ma, sicuramente, eccezionale professionista e splendido giocatore che domani proverà a recuperare ogni energia dentro di sé per tornare, senza alcun dubbio, nell’Olimpo del Tennis.