Tennis, Us Open 2019 Femminile: Wang elimina Barty, out anche Pliskova, avanzano Williams e Svitolina

Nella parte bassa del tabellone femminile degli Us Open 2019 erano rimaste, un po’ a sorpresa viste le usuali diverse eliminazioni illustri nel tennis in gonnella fin dai primi turni, solo teste di serie ancora in gara ma gli ottavi di finale hanno rappresentato un vero e proprio giro di boa.

Infatti, pur essendo presenti le quattro maggiori favorite in questa sezione di tabellone, nella prima domenica del torneo solo due di loro hanno poi strappato il pass per i quarti di finale con due eliminazioni piuttosto importanti e clamorose della seconda e della terza favorita del seeding.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

La prima sorpresa, sul Louis Armstrong Stadium, l’ha realizzata la cinese Qiang Wang, giunta ad un career highest ranking di numero 15 del mondo pur non avendo mai oltrepassato il terzo turno di uno slam.

Ebbene a New York la tennista cinese ha fatto ancora meglio conquistando, grazie al successo in due rapidi set sulla numero due del mondo Ashleigh Barty, un pass addirittura per i quarti di finale, approfittando di una prestazione terribile della sua avversaria.

Adesso Wang proverà a confermarsi con la più difficile delle prove che uno slam, e nello specifico New York, possa mettere sulla propria strada, la sfida a Serena Williams che in due rapidi set, sul Campo Centrale, ha annichilito di potenza la croata Petra Martic incapace di variare il gioco per tendere trappole alla statunitense.

Poco dopo l’eliminazione di Ashleigh Barty, un’altra testa di serie, la numero tre del tabellone, ha dovuto fare le valigie vedendo interrompersi un’altra volta la sua corsa verso il primo major della carriera, ovvero Karolina Pliskova.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

La tennista ceca, finalista a Flushing Meadows nel 2016, ha dissipato un vantaggio di un set e di un break contro la britannica Johanna Konta, mai così avanti a New York ma capace di raggiugnere almeno questo traguardo per il terzo slam consecutivo quest’anno dopo Parigi e Wimbledon.

Ora Konta sfiderà l’ucraina Elina Svitolina, numero cinque del tabellone e, pure lei, per la prima volta tra le ultime otto a New York, scenario raggiunto grazie alla vittoria in due set, senza concedere nemmeno una palla break, sulla statunitense Madison Keys, vittima di una valanga di errori non forzati che, di fatto, le sono costati l’incontro.