Tennis, Roland Garros 2020: esordio vincente per le favorite, fuori Vondrousova e Konta

8/8 per le teste di serie più pesanti al termine degli incontri di primo turno del Roland Garros 2020, uno scenario non sempre prevedibile nel tabellone femminile che, storicamente, si concede a numerose sorprese fin dai primi giorni.

Con qualche patema di troppo alcune, in scioltezza altre, le principali favorite per la vittoria finale hanno strappato tutte il pass per il secondo turno, in condizioni climatiche non semplici per il freddo e la pioggia e la distanza di sensazioni rispetto al passato, quando il torneo solitamente si gioca a maggio.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Successo in rimonta, in tre set, per la ceca Karolina Pliskova, numero due del tabellone, che, dopo aver sprecato ben otto set point ha ceduto il primo parziale al tie break, salvo poi rifarsi nei successivi due contro la prima egiziana nella storia di un main draw slam, Mayar Sherif (6-7 6-2 6-4), proveniente dalle qualificazioni.

Vittoria al terzo anche per la regina di Melbourne Sofia Kenin che, in un match interrotto dalla pioggia a più riprese, ha rimontato uno svantaggio di un break nel terzo set prima di imporsi sulla russa coetanea Liudmila Samsonova (6-4 3-6 6-3).

Successi in due set, invece, per Simona Halep, Elina Svitolina e Serena Williams, la prima con un assolo di dieci giochi consecutivi per chiudere il match contro la spagnola Sara Sorribes Tormo (6-4 6-0), mentre le altre due dopo due parziali inaugurali per nulla semplici rispettivamente contro la russa Varvara Gracheva (7-6 6-4) e la statunitense Khristie Ahn (7-6 6-0).

Avanzano anche Petra Kvitova e Kiki Bertens, la ceca grazie al successo in due set contro la francese Oceane Dodin (6-3 7-5) e l’olandese, invece, in rimonta sull’ucraina Katerina Zavatska (2-6 6-2 6-0), guadagnando così un secondo turno contro la nostra Sara Errani.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale WTA Tour)

Bene anche la bielorussa Aryna Sabalenka, tra le ultime a scendere in campo per il suo match d’esordio, ieri sera, ben oltre le 21, ma comunque vincente, in scioltezza, contro la statunitense Jessica Pegula (6-3 6-1) così come la sua connazionale Victoria Azarenka che ha lasciato tre giochi alla montenegrina Danka Kovinic (6-1 6-2).

3 ore di grande battaglia, invece, per la campionessa del 2016 Garbine Muguruza che ha piegato soltanto 8-6 al terzo set la slovena Tamara Zidansek (7-5 4-6 8-6), mentre ha passeggiato un’altra ex regina del torneo, la lettone Jelena Ostapenko, che ha lasciato tre game alla statunitense Madison Brengle (6-2 6-1).

Buona la prima anche per la finalista del 2018 Sloane Stephens, vincente in due set contro la russa Vitalia Diatchenko (6-2 6-2), così come per Petra Martic ed Elena Rybakina, testa di serie numero 13 e numero 14, a segno, in due set, rispettivamente contro la giapponese Misaki Doi (7-6 7-5) e contro la romena Sorana Cirstea (6-0 6-3).

Tra le “sorprese” del primo turno, da segnalare l’uscita di scena della finalista della passata edizione, la ceca Marketa Vondrousova, spazzata via dalla polacca Iga Swiatek (6-1 6-2), così come quella della britannica Johanna Konta, semifinalista lo scorso anno e battuta dalla giovane Cori Gauff (6-3 6-3).

Fuori anche due campionesse slam ed ex numero uno del mondo come Venus Williams ed Angelique Kerber, superate rispettivamente da Anna Karolina Schmiedlova (6-4 6-4) e Kaja Juvan (6-3 6-3), proprio come un’ex regina del torneo, la russa Svetlana Kuznetsova battuta in tre set dalla connazionale Anastasia Pavlyuchenkova (6-1 2-6 6-1).

QUI, per il tabellone femminile aggiornato del Roland Garros 2020.

QUI, per l’ordine di gioco di oggi.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini