Tennis, Australian Open 2020 Femminile: la prima semifinale è Kenin-Barty, sconfitte Jabeur e Kvitova

Sarà tra Sofia Kenin ed Ashleigh Barty la prima semifinale degli Australian Open 2020, quella della parte alta del tabellone femminile che ha emesso nella scorsa notte i suoi verdetti.

La prima a strappare il pass per la semifinale è stata la giovane statunitense, classe 1998, Sofia Kenin, reduce da un 2019 in cui è esplosa rivelandosi al grande pubblico e pronta per un 2020 da grande protagonista.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale Australian Open)

Kenin, per la prima volta nei quarti di uno slam dopo aver già raggiunto gli ottavi di finale solo a Parigi lo scorso anno, è riuscita a fare ancora meglio centrando l’accesso alla prima semifinale grazie alla vittoria, in due set, sulla tunisina Ons Jabeur (6-4 6-4).

Con questo risultato la tennista statunitense salirà almeno fino alla posizione numero 11 che significherebbe per lei anche best ranking ma senz’altro non sarà intenzionata a fermarsi qui, ad un passo da una strepitosa finale.

Come ultimo ostacolo prima del gran finale del prossimo sabato, Kenin troverà la beniamina del pubblico di casa e numero uno del mondo Ashleigh Barty, campionessa lo scorso anno del Roland Garros ma mai così avanti in Australia.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale Australian Open)

Nel remake del quarto di finale andato in scena dodici mesi fa, questa volta a prevalere è Barty che ha piegato la resistenza della sua avversaria, la ceca Petra Kvitova, in due set, (7-6 6-2) tra i quali un ruolo decisivo l’ha giocato il primo chiuso per 8 punti a 6 al tie break.

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini