Tennis, ATP: vincono ancora Musetti e Cecchinato e volano in semifinale

Non si ferma ancora la corsa delle due wild card Lorenzo Musetti e Marco Cecchinato nell’ATP 250 in Sardegna, dimostrando di aver onorato alla grande l’invito ricevuto in questo torneo che adesso parla italiano e serbo.

Prima semifinale in carriera in un evento del circuito maggiore per Lorenzo Musetti, e per un giocatore classe 2002 in assoluto, raggiunta grazie al successo netto, in due set, sul tedesco Yannick Hanfmann con uno splendido assolo nel secondo dallo 0-4 di svantaggio (6-2 6-4).

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Per lui adesso, per provare a spingersi ancora oltre e a raggiugnere un’incredibile prima finale, ci sarà il serbo Laslo Djere che, dopo aver eliminato la testa di serie numero due Lajovic, ha superato in scioltezza anche il ceco Jiri Vesely (6-4 6-4).

Nella parte alta del tabellone, invece, vittoria in rimonta per Marco Cecchinato che, con un imponente crescendo, ha fatto fuori, in tre set, l’ultima testa di serie ancora in corsa, lo spagnolo Albert Ramos Vinolas (4-6 6-1 6-1) numero quattro del seeding.

Per Cecchinato, che in carriera ha già conquistato tre titoli ATP tra il 2018 ed il 2019, ci sarà ora il sorprendente serbo Danilo Petrovic, entrato come lucky loser e vittorioso, in due set, contro il più esperto argentino Federico Delbonis (7-6 6-1).

QUI, per il tabellone aggiornato dell’ATP 250 Sardegna Open.

PROGRAMMA SABATO 17 OTTOBRE

dalle ore 11.00

(WC) LORENZO MUSETTI – LASLO DJERE

non prima delle ore 12.30

(LL) DANILO PETROVIC – (WC) MARCO CECCHINATO

Migliori Bookmakers AAMS

FASTBET

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Eurobet

10€ Bonus Scommesse al Deposito

SISAL

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini