Tennis, ATP Vienna: Sonego passa al secondo turno, ok anche Djokovic e Thiem

Esordi prestigiosi, azzurri in campo, favoriti che iniziano il loro cammino nell’ultimo ATP 500 della stagione 2020, il torneo di Vienna che, mai come quest’anno, può contare su un eccellente campo di partecipazione.

Buona la prima per Lorenzo Sonego, fortunato ad essere ripescato come lucky loser in seguito al forfait di Diego Schwartzman, e vincente all’esordio contro il serbo Dusan Lajovic (6-4 6-3), numero 26 del ranking, in un’ora e venti minuti di gioco.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Il tennista piemontese, che grazie a questo risultato dovrebbe finalmente centrare l’accesso tra i primi 40 giocatori del mondo, sfiderà al secondo turno il polacco Hubert Hurkacz che, in due set, ha avuto la meglio sul qualificato ungherese Attila Balazs (6-3 7-5).

Esordio problematico, soprattutto nel primo set, per il numero uno del mondo Novak Djokovic che, nel derby tutto serbo contro il connazionale Filip Krajinovic (7-6 6-3), ha rimontato uno svantaggio di 3-5 e salvato un set point prima di imporsi in quasi due ore di gioco.

Quasi due ore di incontro anche per il secondo favorito del seeding, beniamino di casa e campione uscente Dominic Thiem, al via in Austria per la prima volta da vincitore slam, e a segno, all’esordio, contro il lucky loser ucraino Vitaliy Sachko (6-4 7-5).

Tra gli altri risultati di giornata, infine, successo in due set per il bulgaro Grigor Dimitrov in un’affascinante sfida tra top 20 contro il russo Karen Khachanov (7-6 6-3), e per il cileno Christian Garin, costretto, invece, al terzo set contro l’ex numero tre del mondo Stan Wawrinka (6-4 6-7 6-3).

QUI, per il tabellone aggiornato dell’ATP 500 di Vienna.

QUI, per l’ordine di gioco di oggi (in campo Jannik Sinner).

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini