Tennis, ATP Master 1000 Madrid: domina Novak Djokovic, sconfitto Tsitsipas in finale

Come un lampo all’improvviso torna al successo Novak Djokovic, dopo una serie di tornei un po’ sottotono ed un po’ deludenti, il serbo conquista l’ATP Master 1000 di Madrid, secondo titolo stagionale dopo Melbourne.

Ormai da qualche mese ci si chiedeva dove fosse finito il Djokovic dominante che aveva lasciato le briciole, soprattutto dai quarti di finale in poi, in Australia, nel primo major della stagione, e che improvvisamente era scomparso in modo inaspettato. 

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale Mutua Madrid Open)

Ed ecco che, dopo qualche risultato deludente tra Indian Wells, Miami e Montecarlo, Madrid è stata il teatro della rinascita di Nole, al termine di un torneo un po’ fortunato, visti gli agevoli primi due sorteggi ed il forfait di Marin Cilic nei quarti, e un po’ meritevolmente conquistato con i due prestigiosi successi su Dominic Thiem prima e Stefanos Tsitsipas poi.

Proprio in finale, Djokovic ha annichilito sul nascere ogni tentativo di lotta instaurato dal suo giovane avversario, apparso, però, fin da subito, ancora e già appagato dalla splendida semifinale vinta la sera prima contro Rafael Nadal.

Il 6-3 6-4 con cui Nole ha risolto la questione, in 90 minuti di gioco, dominante al servizio e super efficace da fondo campo soprattutto con il rovescio, tornato in versione deluxe per l’occasione, dice tutto del risveglio del serbo proprio quando si sta per entrare nelle fasi calde della stagione sulla terra rossa.

Djokovic, che ha riconosciuto l’importanza di questo successo come “spinta” necessaria in un periodo non proprio positivo e convincente, si aggiudica per la terza volta il titolo di Madrid e tocca quota 33 ATP Master 1000 conquistati in carriera, appaiando Nadal in vetta a questa speciale classifica.

Ma già oggi è tempo di pensare ad un nuovo impegno, un nuovo evento in questa stagione sulla terra rossa, l’ultimo Master 1000 nella splendida cornice del Foro Italico dove Nole ha già vinto e rivinto e dove inevitabilmente, ancora una volta, sarà al via da primo grande favorito.