Tennis, ATP: finale tutta azzurra tra Sinner e Travaglia

Sarà derby azzurro nella finale dell’ATP 250 di Melbourne Great Ocean Road Open tra Jannik Sinner e Stefano Travaglia, altre due splendide notizie di giornata dopo lo showdown conquistato anche nell’ATP CUP da parte dell’Italia.

Si allunga a nove la striscia di vittorie consecutive di Jannik Sinner dopo il titolo conquistato a Sofia alla fine della scorsa stagione, con il giovane talento azzurro emerso dopo 3 ore e 7 minuti di battaglia contro il russo Karen Khachanov (7-6 4-6 7-6).

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Dopo aver sprecato la chance di chiudere l’incontro al servizio nel decimo gioco del parziale conclusivo, Sinner ha dovuto annullare un match point nel turno di battuta successivo, prima di trascinare il set al tie break e qui di emergere proprio come ad inizio match.

Travaglia, invece, già da record con la prima semifinale in carriera in un evento del circuito maggiore, ha fatto ancora di più spingendosi fino in finale grazie al successo in due set sul brasiliano Thiago Monteiro (6-3 6-4) approfittando alla grande di un’ottima occasione.

Era dal 1988 che non si definiva un incrocio tutto azzurro nella finale di un torneo del tour maggiore e sarà il primo confronto diretto in carriera tra Sinner e Travaglia per quello che per il primo rappresenterebbe il secondo trofeo in bacheca, mentre per il secondo sarebbe una novità assoluta.

Una giornata già così storica con l’Italia nella finale di ATP CUP e con il primo atto conclusivo di sempre tutto italiano in un torneo sul veloce, il migliore dei modi per iniziare questo 2021 che, si spera, possa colorarsi ancora e ancora di brillante azzurro.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini