Tennis, ATP: Djokovic vince per la quinta volta a Dubai, Nadal splende in Messico

I primi due giocatori del mondo erano protagonisti in quest’ultima settimana di febbraio, pronti a scaldare i motori in vista degli imminenti appuntamenti di Indian Wells e Miami, ed entrambi non hanno deluso le aspettative.

ATP 500 DUBAI

Novak Djokovic trionfa per la quinta volta in carriera nel torneo degli Emirati Arabi al termine di una settimana di tennis davvero convincente, salvo un set e mezzo contro Gael Monfils in semifinale, quando ha rischiato clamorosamente di eliminarlo dall’evento.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale The National Sport)

Ma dopo aver salvato tre match point e rimontato un tie break che sembrava perso, Djokovic non ha commesso gli stessi errori in finale, dominando dall’inizio alla fine contro l’avversario più forte che il torneo potesse mettergli di fronte, il numero due del seeding Stefanos Tsitsipas (6-3 6-4).

Djokovic, salvo un piccolo passaggio a vuoto nel cuore del secondo parziale, ha disputato una partita ordinata e pulita, con tanti vincenti a referto, pochi errori, ed una continuità eccellente anche sui colpi di inizio gioco, servizio e risposta.

Per lui si tratta del secondo titolo dell’anno dopo Melbourne, il terzo se si conta anche l’ATP Cup con cui ha iniziato la stagione 2020 (il numero 79 in carriera), ma soprattutto della vittoria numero 18 in altrettante partite presentandosi, quindi, nel mese di marzo, ancora imbattuto.

ATP 500 ACAPULCO

Torna a vincere in Messico, nella città di Acapulco, ma per la prima volta da quando il torneo ha cambiato superficie passando dalla terra rossa al cemento, lo spagnolo Rafael Nadal, primo favorito del seeding quest’anno e dominatore assoluto.

Nadal ha lasciato le briciole nel corso del torneo a tutti i suoi avversari, in un cammino non particolarmente laborioso, ma comunque sempre potenzialmente insidioso, pure in finale, dove ha disinnescato il giovane statunitense Taylor Fritz in due set (6-3 6-2).

Per lo spagnolo, che rimarrà saldamente in seconda posizione mondiale, si tratta del primo titolo di questo 2020 (il numero 85 della carriera) dopo la finale in ATP Cup e i quarti di finale raggiunti a Melbourne, sorpreso da Dominic Thiem, ma è senz’altro anche il migliore dei modi per preparasi al Sunshine Double, la prestigiosa accoppiata Indian Wells-Miami.

ATP 250 SANTIAGO

Sarà tra due giovani del circuito la finale di questo ritrovato evento in Cile, a Santiago per la precisione, e che chiude il mese sudamericano sulla terra rossa, ormai parentesi storica della stagione.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale Chile Open)

La finale vedrà l’uno di fronte all’altro il norvegese Casper Ruud, classe 1998 e già vincitore un paio di settimane fa sulla terra rossa di Buenos Aires, ed il brasiliano Thiago Seyboth Wild, classe 2001.

Il primo ha piegato in due set la resistenza di uno specialista del rosso come lo spagnolo Albert Ramos Vinolas (7-6 6-2) mentre il brasiliano, campione juniores agli Us Open due anni fa, ha centrato il pass per la prima finale della carriera grazie al netto successo contro l’aggettino Renzo Olivo (6-1 6-3) proveniente dalle qualificazioni.

FINALE ATP 250 SANTIAGO

(WC) THIAGO SEYBOTH WILD (BRA) vs (2) CASPER RUUD (NOR) (H2H 0-0)