Tennis, ATP CUP: l’Italia vola in finale, domani sfida la Russia

Non si ferma la corsa dell’Italia nell’ATP CUP 2021 e, dopo i due successi nel girone ai danni di Austria e Francia, gli azzurri si spingono ancora più in là, superano la Spagna e conquistano la finale.

Due vittorie nei due singolari e biglietto per la finale presto assicurato, prima con il successo di Fabio Fognini, decisamente contro pronostico visti i precedenti, contro Pablo Carreno Busta, poi quello di Matteo Berrettini, imperioso contro Roberto Bautista Agut.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP CUP)

Il primo a scendere in campo, come detto, è stato il ligure che in tre set, in circa due ore e venti minuti di gioco, ha piegato alla distanza Carreno Busta (6-2 1-6 6-4), numero 16 del mondo contro cui aveva perso in tutti e sette i precedenti confronti diretti, l’ultimo nel 2019 sul rosso di Amburgo.

A seguire, con l’Italia in vantaggio, il nostro numero uno Berrettini ha espresso una volta di più una prova convincente e un successo perentorio ai danni del numero 13 del mondo Roberto Bautista Agut (6-3 7-5), contro cui aveva sempre vinto in passato in quattro precedenti.

In finale l’Italia sfiderà la Russia, probabilmente, in questo momento, la squadra più pericolosa in un format di questo tipo potendo contare su due tennisti tra i primi dieci del mondo, Daniil Medvedev ed Andrey Rublev, particolarmente a proprio agio su una superficie simile.

In semifinale la Russia ha estromesso la Germania prima con la vittoria di Rublev in tre set su Jan Lennard Struff (3-6 6-1 6-2) e poi grazie a quella di Medvedev, sempre sulla lunga distanza e in rimonta, contro Alexander Zverev (3-6 6-3 7-5).

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini