Tennis, ATP Amburgo: brillano Rublev e Tsitsipas, ancora bene Ruud

Largo ai giovani nell’ATP 500 di Amburgo, l’ultimo appuntamento prima di gettarsi a capofitto nell’evento più atteso dell’autunno tennistico, il Roland Garros, torneo che chiude il mondo degli slam in questo 2020.

Quattro protagonisti, quattro ragazzi nati tra il 1996 e il 1998, tutti dotati di talento, tutti particolarmente ispirati in questa settimana sui campi in terra rossa di Amburgo, evento ancora di prestigio nonostante il declassamento, ormai di qualche anno fa, da Master 1000 ad ATP 500.

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Nel venerdì dedicato ai quarti di finale brilla soprattutto il russo Andrey Rublev, testa di serie numero cinque, che in due set, in un’ora e mezza di gioco, ha piegato la resistenza del sempre laborioso Roberto Bautista Agut (6-2 7-5) quarto favorito del seeding.

Il tennista russo in semifinale se la vedrà contro un inarrestabile Casper Ruud che, dopo la semifinale raggiunta anche a Roma, fermato solo da Djokovic, ha saputo ripetersi anche in Germania, superando in tre set il francese Ugo Humbert (7-5 3-6 6-1).

(Fonte: Profilo Twitter Ufficiale ATP Tour)

Nella parte bassa del tabellone, invece, prosegue il cammino del grande favorito del torneo, il greco Stefanos Tsitsipas che, in due set, ha risolto la pratica Dusan Lajovic (7-6 6-2) con un po’ più di problemi soltanto nel primo set.

Per lui adesso ci sarà il cileno Christian Garin, numero ventidue del mondo e già alla terza semifinale sulla terra rossa in questo 2020, vincente in rimonta, in tre set, contro il kazako Alexander Bublik (3-6 6-4 6-4).

QUI, per il tabellone aggiornato del torneo ATP 500 di Amburgo.

QUI, per l’ordine di gioco di oggi.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Marco Pardini

Informazioni sull'autore
Appassionato di sport e delle storie dello sport, mi emoziono con il calcio e con il tennis ma, seppur tifoso, provo sempre a non eccedere talvolta mordendomi la lingua. Bianconero dalla nascita, per alcuni un pregio, per altri no.
Tutti i post di Marco Pardini