Swansea, dopo l’esonero di Guidolin solo 1 punto in 4 partite

Il tempo, in casa Swansea, sembra essersi fermato a quel 3 ottobre 2016. Non una data casuale, ma esattamente quella dell’esonero di Francesco Guidolin da allenatore dei gallesi. Una scelta dettata dal rendimento tutt’altro che esaltante in Premier League: quattro punti nelle prime sette giornate e sprofondo nella zona retrocessione.

Guidolin

I bianconeri hanno deciso di affidare la panchina all’americano Bob Bradley, padre dell’ex Roma e Chievo Michael e reduce dalle esperienze con il Le Havre e le Nazionali americane ed egiziane. Ma da allora il bottino di punti per lo Swansea non è affatto migliorato. Anzi: è arrivato un solo pareggio nelle successive quattro gare, oltre alle sconfitte contro Manchester United, Arsenal e Stoke City.

Certo, il calendario non era dei migliori per poter pensare di ottenere qualcosa in più. Fatto sta che il cambio di guida tecnica non ha affatto prodotto i risultati sperati. E ora i gallesi sono anche stati raggiunti a quota cinque dal Sunderland, vincente nell’ultimo turno ai danni del Bournemouth. Una situazione critica che non offre prospettive rosee: al rientro dalla sosta ci sarà la trasferta in casa dell’Everton. Sicuri che mandare via Guidolin sia stata la scelta giusta?