Serie B, top e flop 35° giornata: Manconi sugli scudi, Volta irriconoscibile

Ascoli-Frosinone 1-1: nuovo stop per i laziali, troppo spreconi in fase offensiva e distratti dietro. Dionisi illude, ma Favilli fa un grosso regalo alla Spal, impegnata domani. Benissimo Lanni (7.5), che salva i suoi con alcune grandi parate, e bene Dionisi (7), autore del gol del momentaneo vantaggio. Male Cacia e Mokulu (5), non pervenuti.

Avellino-Carpi 1-0: un acuto di Perrotta nel finale regala tre punti importantissimi all’Avellino, oggi davvero bisognoso di punti salvezza in vista della ormai probabile penalizzazione di 7 punti per scommesse. Bene Perrotta e Belec (7 per entrambi): il primo segna e mette in difficoltà gli avversari e il secondo para un rigore e compie un buon numero di parate importanti, compreso un rigore di Ardemagni. Male proprio Ardemagni e Mbakogu (5), non in giornata.

Cittadella-Benevento 1-0: il gol di capitan Iori in apertura permette ai veneti di raggiungere al quarto posto proprio gli avversari odierni. Migliori in campo Alfonso (7), prodigioso in un paio di circostanze, e Del Pinto (6.5), tra i più pericolosi. Male Chiaretti e Ceravolo (5), mai pericolosi.

Latina-Vicenza 0-1: un’acrobazia di De Luca nel finale consegna ai biancorossi tre punti di vitale importanza per la lotta salvezza. Migliori in campo Dellafiore ed Esposito (6.5 per entrambi), per l’esperienza e la grinta messe oggi in campo. Male Bonaiuto ed Ebagua (5): sprecone il primo e fuori dai radar il secondo.

Pisa-Cesena 0-1: Ciano regala ai suoi una vittoria fondamentale che li fa uscire dalla zona retrocessione. Bene Verna e Panico (6.5 a tutti e due), propositivi e, spesso, insidiosi. Male Manaj (5), poco incisivo nonostante l’impegno. Nessuna insufficienza tra i romagnoli.

Pro Vercelli-Entella 1-0: passo falso per i liguri, adesso a rischio uscita dalla zona playoff. il gol di Morra a sette minuti dalla fine è, invece, un tonico per i piemontesi, sempre più vicini alla salvezza. Migliori in campo Morra (7) e Moscati (6.5): il primo entra al 67° e si rivela fondamentale, mentre il secondo garantisce sacrificio e dinamismo. Male Aramu e Ammari (5 per entrambi), mai nel vivo del match.

Spezia-Bari 1-0: ennesima caduta fuori casa per un Bari che, in trasferta, si trasforma in una squadra senz’anima e senza grinta. Granoche punisce i galletti e manda gli spezzini al settimo posto. Migliori in campo Grancohe (7) e Moras (6.5): il primo segna un altro gol decisivo e gioca la sua solita gara di lotta, mentre il secondo ci mette sempre una toppa ove possibile. Male Raicevic (5), oggi in versione fantasma.

Ternana-Salernitana 1-0: una zuccata di Avenatti rovina i sogni playoff dei campani e dà vigore a quelle di salvezza degli umbri. Meccariello (7) e Vitale (6.5) sono i migliori: il primo impedisce agli ospiti di passare, il secondo è l’uomo più propositivo dei granata grazie ai tanti cross messi in mezzo. Male, invece, GermoniMinala (5 per entrambi), autori di una gara poco lucida e ulteriormente macchiata da due cartellini, rispettivamente giallo e rosso, che potevano essere evitati.

Trapani-Perugia 3-0: le reti di Pagliarulo Manconi (doppietta) proiettano i siciliani fuori dalla zona playout per la prima volta in stagione, a conferma del miracolo compiuto da Calori. Perugia troppo brutto per essere quello vero. Benissimo Manconi (8), letale ad inizio ripresa con due reti fulminee che mettono in archivio il match, e bene Di Chiara (6), alla fine l’unico umbro a salvarsi per via di vari cross che mettono in apprensione i padroni di casa. Malissimo Volta (4), disastroso in marcatura e posizionamento ed espulso ingenuamente. Nessuna insufficienza, invece, tra i granata.

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana