Serie B, squalificati 38° giornata: sei calciatori fermati per un turno

Sono sei gli squalificati, tutti fermati per un turno, notificati dal Giudice Sportivo al termine dell’ ultima giornata del campionato cadetto.

Tra questi sono due gli espulsi per somma di ammonizioni, protagonisti di un “comportamento scorretto nei
confronti di un avversario” : Alberto Almici (Hellas Verona) e Alessandro Buongiorno (Carpi). Terzo squalificato, perchè diffidato, e multato per 1.500 euro è il terzino del Brescia Alex Mateju “per avere simulato di essere stato sottoposto ad intervento falloso in area di rigore avversaria”. 

I restanti tre giocatori fermati dal Giudice Sportivo, anche loro già in diffida, sono Daniel Cappelletti (Padova), Maurizio Domizzi (Venezia) e Davide Mazzocco (Padova).

Da notificare, infine, anche la squalifica di un dirigente del Lecce. Claudio Vino che sarà costretto a tre giornate di stop “per avere, al 27° del primo tempo, all’atto dell’allontanamento dell’operatore sanitario, rivolto all’Arbitro epiteti offensivi”.

Per quanto riguarda le società, il comunicato riporta le sanzioni inflitte a Pescara, Salernitana e Livorno. I Delfini dovranno versare 5.000 euro “per avere, i loro sostenitori, nel corso del primo tempo, utilizzato un fischietto che disturbava il regolare svolgimento della gara, costringendo l’Arbitro a richiedere l’effettuazione dell’annuncio fonico” .

Medesima pena per i Campani “per avere i loro sostenitori, nel corso del primo tempo, lanciato nel recinto di giuoco numerosi petardi”. In ultimo, “soltanto” 2.000 euro di multa per i Labronici “per avere suoi sostenitori, al 42° del secondo tempo, lanciato nel recinto di giuoco un petardo”.