Serie B, squalificati 2° giornata: un solo squalificato e nessuna decisione su Cosenza-Verona

In merito alla seconda giornata, il Giudice sportivo ha squalificato per un turno un solo giocatore, il perugino Kingsley Michael, espulso nel corso del match contro l’Ascoli per essersi reso responsabile di un fallo grave di giuoco“.

Ben sei, invece, le società multate: Lecce e Venezia dovranno pagare 4000 euro rispettivamente “per avere suoi sostenitori, nel corso della gara, lanciato sul terreno di giuoco quattro fumogeni” e “per avere suoi sostenitori, nel corso delle gara, lanciato nel recinto di giuoco un fumogeno ed un petardo ed acceso alcuni fumogeni nel proprio settore“.

Padova e Perugia dovranno pagarne, invece 1500 “per avere suoi sostenitori lanciato nel recinto di giuoco un fumogeno” e 1500 dovrà pagarli anche il Venezia, punito ancora una volta “per avere ingiustificatamente causato il ritardato inizio della gara di circa quattro minuti“. Per lo stesso motivo sono stati comminati 1000 euro di multa anche al Palermoper avere ingiustificatamente causato il ritardato inizio della gara di circa due minuti“. Un’altra ammenda, infine, è stata data anche al tecnico del Perugia Alessandro Nesta, che dovrà pagare 3000 euro “per avere, al 21° del secondo tempo, contestato platealmente una decisione arbitrale, rivolgendo al Direttore di gara un’espressione irriguardosa

L’attenzione era però tutta per la decisione su Cosenza-Verona, match che si sarebbe dovuto giocare domenica alle 18, ma che è stato rinviato per via delle condizioni disastrose del terreno dello stadio “San Vito-Luigi Marulla“, a cui si è provato a rimediare solo a ridosso del fischio iniziale. Il Giudice sportivo non ha deciso nulla in merito, ma si è riservato di farlo non appena avrà ricevuto il reclamo del Verona, che vuole il 3-0 a tavolino.

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana