Serie B, Ascoli-Entella 2-1: bianconeri a -4 dai playoff

Dopo un match vibrante e con tante occasioni l’Ascoli ha avuto la meglio sull’Entella all’ultimo minuto e non solo esce dai bassifondi, ma si porta a -4 dagli stessi liguri, fermi all’ottavo posto e pieni di amarezza per i 3 punti buttati in extremis nelle ultime due gare. Punti che l’avrebbero proiettata al quinto posto, in una zona più sicura e lontana dal limbo. C’è da dire che il risultato è bugiardo, avendo l’Entella avuto molte più chances e giocato meglio degli avversari, in gol per due volte con due soli tiri in porta, contro i sei dei liguri. Ma il calcio è anche questo.

Dal canto loro i marchigiani si sono ripresi, seppur, come detto, non proprio con merito, quanto perso sconsideratamente contro il Latina sabato scorso; con questa vittoria salgono a -4 dalla zona playoff, però i punti in più rispetto a quella playout sono solo 3, troppo pochi per stare tranquilli. Questa è la dimostrazione di quanto sia impossibile fare pronostici riguardanti la cadetteria.

ascoli

Venendo alla partita, è l’Entella che, dopo un promettente inizio degli avversari, prende presto l’iniziativa, giocando meglio e creando di più:  intorno al primo quarto d’ora Troiano porta in vantaggio i biancoazzurri risolvendo una mini mischia in area su azione d’angolo. L’Ascoli non replica, subisce le iniziative di Caputo, Moscati e Diaw (entrambi sfiorano il gol del raddoppio) e vede l’arbitro Serra ammonire giustamente i due suoi centrali difensivi Addae e Carpani, entrambi in diffida e quindi non disponibili per il duro match di Benevento in programma la settimana prossima.

Ci si aspetta quindi il peggio per i bianconeri, ma al 40° arriva la sorpresa: presunto calcio in faccia a Giorgi da parte di Ceccarelli nell’area di rigore ospite e per Serra è rigore (più ammonizione). Dal dischetto Cacia batte Iacobucci e riscatta l’errore di sabato.

Nella ripresa si registrano molti cambi, una traversa di Caputo e poco altro fino all’improvvisa svolta: all’88° Troiano viene espulso per somma di ammonizioni e un minuto dopo Favilli, entrato da poco, trova il gol vittoria con un facile tocco di testa. Si tratta del primo importantissimo gol da professionista per il diciannovenne attaccante cresciuto nella Juventus.

I migliori in campo sono il portiere ascolano Lanni (7.5), più volte decisivo con grandi parate e il chiavarese Keita (6.5), prorompente e propositivo prima di uscire per infortunio. Male, invece, Cassata (5.5), partito bene e sparito presto dai radars e Cutolo (5), spento e del tutto inoffensivo.

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana