Serie A, amarcord 10° giornata: doppiette Dzeko, Immobile e Chiellini, papere Hart e Tatarusanu, Florenzi crack

DZEKO

dzeko-roma-2016-17-gioia1-750x450

Dieci gol in dieci partite, viaggia alla media gol di Batistuta l’anno dello scudetto. Ieri sera ha trascinato la Roma con un gol di rapina, poi si è procurato il rigore e lo ha trasformato con la consueta freddezza. Sembra lontano parente del Dzeko confusionario e pasticcione dell’anno scorso, ora è un carro armato che non conosce ostacoli. Armageddon.

IMMOBILE

risultati-serie-a-10-giornata-marcatori-sintesi-classifica

Per lui 8 gol in 10 partite, un bottino più che dignitoso. Oltre ai gol, Ciro non fa mancare mai il suo apporto dal punto di vista fisico e comportamentale. L’aquila biancoceleste sembra tatuata sul suo corpo, corre come se fosse indiavolato e trascina la Lazio come un condottiero conduce le sue truppe all’assalto contro i nemici. Leader.

CHIELLINI

voti-fantacalcio-gazzetta-sport-corriere-10-giornata

Due gol in una sola partita, Chiellini non li segnava dal 2008 contro la Lazio (quella partita finì 5-2). Quest’anno il Giorgione nazionale non ha offerto prestazioni all’altezza della fama che si è creato ed è sembrato l’anello debole della corazzata BBC (BarzagliBonucciChiellini). Con questa doppietta, scalza Benatia dai titolari e torna a ruggire. King Kong.

ATALANTA

I veri nerazzurri del campionato sono quelli dell’Atalanta. Tredici punti in cinque partite, una difesa solida e un centrocampo che non fa passare neanche l’aria. Se proprio vogliamo trovare il pelo nell’uovo, il reparto che scricchiola di più è l’attacco che stenta a decollare in fase realizzativa. Gasperini ha trovato la quadratura del cerchio e quest’Atalanta inizia a fare paura. Rivelazione.

GENOA

Gli infortuni e la sconfitta amara del derby arrivata su autorete, sembravano aver gettato il Genoa in un baratro senza fine. Inoltre, a Marassi arrivava un Milan rinfrancato dalla vittoria sulla corazzata Juventus. Risultato? Un 3-0 secco e senza appello, il Genoa ha asfaltato il Milan di Montella e lo ha riportato sulla terra. Un applauso a Juric. Piccoli Gasperini crescono.

HART

hart

Il primo gol di Icardi è un regalo che profuma di Natale. Il filtrante di Candreva è da urlo, ma Hart esce bene dai pali e tutto fa propendere verso una presa sicura del pallone. Il portierone inglese però decide di fare qualcosa che va contro ogni logica e respinge il pallone sui parastinchi di Icardi, che va a trasformare il più classico dei gollonzi. Mai Dire Gol.

TATARUSANU

Il Crotone è ultimo in classifica e fatica a segnare e la sfida di Firenze sembrava una di quelle partite da 1 fisso. La Fiorentina, inoltre, era reduce dal 5-2 inflitto al Cagliari e tutto faceva pensare a una classica passeggiata di salute. A rovinare i piani viola ci ha pensato Tatarusanu, che a metà primo tempo si è fatto sfuggire il pallone dalla mani e ha permesso a Falcinelli di segnare lo 0-1. Chi dorme, si prende reti.

FLORENZI

Alessandro Florenzi dopo il brutto infortunio di ieri sera
Alessandro Florenzi dopo il brutto infortunio di ieri sera

Per la serie “anche i laziali avranno pianto”. L’infortunio di Florenzi (rottura del crociato, stop di 4 mesi) è una di quelle notizie che lasciano l’amaro in bocca perché Alessandro è una favola del nostro calcio, un ragazzo come tanti che è riuscito a coronare il suo sogno. Educato, rispettoso, mai sopra le righe, Florenzi è entrato nel cuore di tutti e anche gli avversari lo stimano e lo rispettano come se fosse un veterano. Una perdita per la Roma, ma anche per la nazionale. Daje, Alessà.

EMPOLI

Continua la lenta e inesorabile discesa dell’Empoli verso la serie cadetta. Ieri sera, i toscani hanno perso 2-0 a Napoli e sono fermi a quota 6 punti in 10 partite. Certo, non era facile fare risultato a Napoli ma forse un po’ di grinta in più in campo non avrebbe guastato. L’attacco dell’Empoli è uno dei peggiori di tutta Europa e le trame di gioco non fanno pensare che le cose cambieranno. Spuntato.

PESCARA

Il pareggio alla prima giornata contro il Napoli aveva illuso tutti e i giornalisti si erano esposti nel dire che il Pescara sarebbe stata la rivelazione del campionato. Da quel pareggio, il buio. Se togliamo la vittoria a tavolino contro il Pescara, gli abruzzesi di Oddo hanno raccolto 2 punti in 8 partite. Troppo poco per una squadra che vuole salvarsi. Urge un cambio di rotta immediato. Yes, we can.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

15€ Bonus Benvenuto Scommesse al Deposito

Fastbet

5€ alla Registrazione + 100%  sul Primo Deposito +10% di Cashback

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus

Angelo Dino Surano

Informazioni sull'autore
Giornalista, editor, ghostwriter, lettore appassionato. Una vita intera dedicata alla parola e alle sue innumerevoli sfaccettature.
Tutti i post di Angelo Dino Surano