Serie A1 femminile volley: Monza parte col piede giusto. Chieri liquida Perugia

Riparte il campionato più bello del mondo, riparte la Serie A1 di volley femminile e lo fa regalando subito grande spettacolo con i primi due anticipi della stagione. Al “Pala Barton” la Bartoccini Fortinfissi Perugia cade per 3-0 contro Chieri, che parte con tre punti in cascina come lo scorso anno. Buon inizio anche per Monza, che in casa batte 3-1 una Busto Arsizio poco concreta nei primi due set. Andiamo ad approfondire quanto successo nel big match di giornata alla Candy Arena.

Serie A1 volley femminile: spettacolo puro tra Monza e Busto Arsizio

Nell’anticipo serale di questa prima giornata la Saugella Monza ottiene tre punti pesanti contro un avversario “tosto” come Busto Arsizio che non riesce a confermare le buone cose fatte vedere in Supercoppa. Partita archiviata in quattro set (25-13; 25-22; 21-25; 25-22), con le “bustocche” di Fenoglio che approcciano molto male la partita e subiscono un break di 8-4 ad inizio match. Le percentuali del primo set sono piuttosto indicative, con un’incisività del 46% da parte delle padrone di casa e un misero 14% delle “farfallle”, che nel primo parziale non riescono ad innescare nel modo giusto le due bocche di fuoco principali Mingardi e Gennari, mentre si affida spesso alle “veloci” tra Bonelli (non perfetta in regia) e Stevanovic. Monza fa registrare, dal suo canto, una buona distribuzione complessiva di punti: oltre a due secondi tempi di Orro, sono 17 i punti a testa per Heyrmann ed Orthmann, 9 per Danesi e ben 20 per Van Hecke, la quale è stata sicuramente la giocatrice più continua durante tutto l’arco del match.

Dopo un primo set scivolato veloce verso la conclusione con un sorprendente 25-13, Busto Arsizio prova a reagire nella seconda frazione di gioco. Asia Bonelli cerca spesso di combinare con Mingardi e l’opposto bustocco entra finalmente nel “vivo” del match cominciando a mettere giù palloni “pesanti”. Quando però Busto pare poter prendere il controllo della partita, Gaspari chiama timeout sul 7-9 e dà indicazioni alle sue di sfruttare maggiormente il gioco delle centrali. È proprio una centrale a sancire il “turning point” del set con due muri consecutivi che portano il punteggio sul 18-16. Sia Van Hecke che Orthmann, quest’ultima in leggero calo dopo un primo parziale quasi perfeto, continuano a martellare con una certa costanza e, resistendo a un timido ccenno di reazione da parte di Busto sul 21-19, chiudono il set sul 25-22.

Terzo set che riscia però di riconfermare un trend che aveva contraddistinto il cammino di Saugella lo scorso anno: la squadra di Gaspari comincia a mostrare un po’ di disorganizzazione e, complice la cerscita di Busto che velocizza il gioco, subisce un break di 5-8 dopo un inizio set piuttosto equilibrato. Fenoglio fa entrare Gray al posto di Piccinini ed Herrera Blanco al centro al posto di Olivotto. Fatta eccezione per un errore dell’americana in battuta, i cambi sembrano dare i propri frutti con la stessa Gray che dà un buon contributo in attacco grazie ai propri 5 punti. Mingardi torna a picchiare come sa e a mettere in difficoltà la ricezione avversaria con le sue poderose battute. I punti della top scorer dello scorso campionato, insieme a quelli di un’ispirata Gennari, permettono alle “farfalle” di volare al quarto set sul punteggio di 25-21.

Quarto set che rischia di confermare l’andamento del parziale precedente, con le ragazze di Fenoglio che trovano spesso due break di vantaggio e si portano sul 16-18. Da quel momento in avanti sale però in cattedra Hanna Orthmann, sparita per lunghi tratti del match, e che fa sentire la propria presenza nel momento più delicato del match. Suo il punto che regala il match point alla squadra monzese, la quale chiude l’incontro con una schiacciata di Heyrmann. Gaspari inizia copsì con tre punti il proprio campionato, mentre Fenoglio dovrà rivedere gli schemi di una squadra che solo due settimane fa sembrava la concorrente più accreditata a recitare il ruolo dell’anti Conegliano.

Chieri passeggia a Perugia

Nell’altro match di giornata, come detto, secco 3-0 di Chieri sul campo di Perugia. La squadra umbra non entra mai in partita, complice un’Ortolani che si sveglia solo nel finale di primo set ma, per il resto, è poco incisiva. Una Perugia che mette comunque in vetrina un’ottima Milnar, schiacciatrice da cui Bovari dovrà ripartire per centrare la salvezza e ben figurare nei playoff. Chieri che invece riparte dalle proprie certezze: Bosio in palleggio, Perinelli e Grobelna in attacco, legittimando il ruolo di “mina vagante” dopo le ottime cose fatte vedere lo scorso anno. Obiettivo di coach Bregoli sarà far acquisire sempre più continuità alle sue ragazze che, essendo un gruppo molto giovane, potranno davvero fare grandi cose con la forza della spensieratezza.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus