Sampdoria-Roma 0-1, voti e pagelle: “La decide Pellegrini, bene Camara”

Tre punti importanti per i giallorossi che vincono grazie al rigore trasformato da Pellegrini.

Le pagelle della Sampdoria

Audero 7: Cade solo su un calcio di rigore di Lorenzo Pellegrini. Padrone indiscusso dell’area di rigore e grande protagonista con ottime parate, specie quelle esibite su Zaniolo.

Bereszynski 6: Non è facile tenere a bada un cliente come El Shaarawy. Nonostante qualche imprecisione, il terzino doriano se la cava.

Ferrari 5: Il tocco di mano è molto leggero, ma l’ingenuità sta nell’allargare in maniera così vistosa il braccio. La sua partita è “faticosa”, ma è tutto conseguenza del calcio di rigore regalato che, di fatto, ha deciso la partita.

Colley 6: Leader della difesa doriana. Si incarica di iniziare dal basso molte azioni, ma il suo compito primario è quello di tenere a bada gli attaccanti giallorossi. Gara senza troppi errori.

Augello 5,5: Non pensa minimamente di attaccare ma, soprattutto, difende con troppa difficoltà. Impreciso quando deve accompagnare l’azione sulla fascia sinistra. (Dal 46’ Murru 6: Più ispirato di Augello. Non commette particolari errori).

Leris 5,5: Ci mette grande voglia ma questa volta manca totalmente la qualità. Ha le armi per diventare un valore aggiunto, ma con la Roma spara a salve e non riesce mai a vincere un duello fisico con la difesa giallorossa. (Dal 46’ Pussetto 5: Fantasma. In area di rigore giallorossa non si vede mai).

Villar 6: Non malissimo la sua gara da ex. Non sbaglia e fa vedere buone giocate in mezzo al campo. Bravo a girare il pallone e creare fraseggio.

Rincon 6: Combatte valorosamente e con grande coraggio. Ci mette grinta e voglia anche se la tecnica lascia spesso a desiderare. Buona prova. (Dal 57’ Verre 6: Entra con piglio giusto e prova a riversarsi in attacco).

Djuricic 6: Mette qualità con una prestazione dove ha garantito grande mobilità e imprevedibilità giocando tra la zona sinistra del campo ed entrando spesso dentro il rettangolo di gioco. (Dal 74’ Sabiri s.v.).

Gabbiadini 5,5: Inizia con qualche spunto interessante, ma si spegne ben presto. (Dal 57’ Quagliarella 6: Esperienza e voglia. Nonostante l’età, Fabio non smette di provarci. Buon ingresso).

Caputo 5: Fin troppo poco per impensierire la difesa della Roma.

Dejan Stankovic 6: Ci vorrà tempo per vedere la “mano” dell’allenatore, ma dal punto di vista emotivo qualcosa si è già visto. Partiva sfavorito e nonostante il poco mordente offensivo, la squadra ha risposto con voglia.

Le pagelle della Roma

Rui Patrício 6: Partita tranquilla per il portoghese. La Sampdoria non lo impegna più di tanto.

Mancini 6,5: Non va mai in difficoltà. Gli attaccanti doriani non lo impensieriscono molto, specie nelle palle alte dove l’italiano domina.

Smalling 6,5: Solita gara da leader per l’inglese. Gli avversari, sicuramente, non sono irresistibili ma lui si fa apprezzare per la tranquillità e la concretezza che esprime nella fase difensiva.

Ibañez 6: Nessun errore particolare e un cartellino giallo che poteva evitare. Nonostante ciò è molto attento.

Zalewski 6: Inizio un po’ timido, ma alla lunga cresce. Corre tanto, duetta spesso con i compagni e si fa apprezzare per le sue grandi doti nella corsa. (Dall’83’ Karsdorp S.V)

Cristante 6,5: Solito metronomo del centrocampo. Presenza fondamentale per Mourinho che vede in lui l’uomo più importante per smistare palloni e dare tranquillità alla manovra.

Camara 6,5: Altra partita molto apprezzabile. Fisicamente regge l’urto della Sampdoria, ma si fa apprezzare per la grinta e il grande impegno che ci mette. Un elemento sempre più interessante. (Dal 69′ Matic 6: Entra e lotta subito per difendere il risultato)

El Shaarawy 5,5: Confusionario. Mourinho gli chiede di agire a tutta fascia ma il Faraone sembra risentirne un po’. In attacco non incide. (Dal 75‘ Spinazzola S.V)

Pellegrini 6,5: Anche se dal dischetto, il gol pesa come un macigno e non solo per i tre punti, ma anche perché è il primo della sua stagione. Trascina la squadra tecnicamente e subisce anche molti falli.

Belotti 5,5: Non perfetto, specie in zona gol dove sciupa alcune buone occasioni. (Dall’83’ Bove S.V)

Abraham 6: Partita non eccelsa ma, a conti fatti, è grazie a una sua giocata e un suo cross che arriva il fallo di mano di Ferrari che decide la partita. Bene nel dialogare con Belotti e compagni, meno bene in fase offensiva. (Dal 69′ Zaniolo 6,5: Entra con grandissima voglia in partita e accende le luci tecniche della squadra. Peccato non riesca a sfruttare le occasioni avute, ma lo spirito è quello che serve).

José Mourinho 6: Una Roma cinica e che rischia poco. Di certo, non una delle versioni più belle ma sicuramente è una delle più pratiche. 3 punti importantissimi in vista del big match col Napoli.