Sampdoria-Inter 2-2, dichiarazioni post-partita Simone Inzaghi: “L’inferiorità numerica finale ci ha penalizzati. Testa al Real Madrid ora”

Termina 2-2 la gara tra Sampdoria e Inter valida per la terza giornata del campionato di Serie A. Ai nerazzurri non bastano le reti di Dimarco e Lautaro Martinez, i blucerchiati per ben due volte la portano sul pareggio grazie a Yoshida prima e Augello poi.

Un Simone Inzaghi amareggiato ha così analizzato nel post-partita il pareggio dei suoi: “Una partita giocata così poteva e doveva essere vinta. Di occasioni ne abbiamo avute e in vantaggio ci siamo andati non una ma due volte. In entrambe le circostanze, però, ci siamo fatti male da soli”.

Infortunio di Sensi: “Era entrato nel migliore dei modi, si è allenato due giorni ed è stato bene. Spiace essere rimasti anche con l’uomo in meno per aver esaurito i cambi. 20 minuti in 10 si sono sentiti e come, ma la squadra non ha mai smesso di provarci”.

Simone Inzaghi, 45 anni, allenatore dell’Inter. Fonte foto: Facebook, profilo ufficiale Inter

Vista Real Madrid: “Bastoni non credo riesca a recuperare, Stefano starà out per qualche settimana, perché il problema pare essere abbastanza grave. Per il resto spero di avere tutto il gruppo a piena disposizione. La rosa è attrezzata, servirà recuperare energie fisiche e mentali”.

Prime impressioni: “Sono davvero molto soddisfatto di quanto fatto dai ragazzi finora. Qui ho trovato un gruppo compatto, voglioso e che mi ha accolto bene. Con la società c’è stata chiarezza sin da subito sulle cessioni, ma sono stati bravi a portarmi calciatori idonei al mio calcio. Ottima anche l’accoglienza dei tifosi, non potrei chiedere nulla di più”.

Orazio Redi

Informazioni sull'autore
Giornalista pubblicista, laureato in Scienze della comunicazione. Amante, sin da piccolo, di calcio e analisi dei linguaggi giornalistici. La citazione, che definisce perfettamente la mia ambizione, è questa qui di Steve Jobs: "L'unico modo per poter fare un ottimo lavoro sta nell'amare ciò che si fa. Il segreto è non accontentarsi mai e inseguire fino alla fine i propri sogni".
Tutti i post di Orazio Redi