Roma-Venezia 1-1, voti e pagelle: “Passo falso dei giallorossi”

La Roma fallisce l’aggancio alla quinta posizione e rischia di trovarsi fuori dalla zona Europa, il Venezia saluta con onore la Serie A.

Passo falso inaspettato per la Roma di Josè Mourinho che cede punti preziosi ad un Venezia coraggioso nonostante la matematica certezza della Serie B.

Questa giornata di campionato, infatti, rischia di non dare buone notizie a nessuna delle due squadre coinvolte in questo match perché se la seconda non avrà la possibilità di giocare in Serie A il prossimo anno, la prima è in piena lotta Europa.

Con il pareggio contro il Venezia si dovranno attendere le risposte di Atalanta e Fiorentina, che possono superare la Roma in classifica.

Pronti, via subito, a freddo, il gol di Okereke spegne gli entusiasmi della Stadio Olimpico.

Serviranno 46 tiri e l’ingresso di Shomurodov per dare equilibrio al risultato del match, ma nonostante ciò la Roma non può essere felice.

Ben due squadre potrebbero approfittare del passo falso della Roma per accaparrarsi l’Europa League. Onore, però, al Venezia che mai ha mollato e che, in questo match, ha giocato a mente libera, senza obiettivi o soglie di punti da raggiungere.

In attesa della classifica completa, la Roma attua un passo falso che, ad oggi, potrebbe pesare come un macigno per l’obiettivo quinto-sesto posto.

Le pagelle della Roma

Rui Patricio 6: Non ha colpe sul gol preso a freddo, per il resto non ha ulteriori tiri.

Ibanez 5: Pronti, via e subito dormita che permette al Venezia di passare in vantaggio. Il proseguo del match è senza troppe difficoltà, ma l’errore pesa sul match.

Smalling 6,5: Chiude benissimo su Okereke e Aramu. E’ il più in forma della difesa giallorossa e dimostra grande leadership.

Kumbulla 5,5: Poteva far meglio sul gol subito dalla Roma, primo tempo nella norma tranne il dettaglio del gol. Esce per portare la Roma a maggior trazione offensiva (dal 46′ El Shaarawy 6: Ci prova più volte ma non riesce ad essere preciso quando deve buttarla dentro. Tra i più attivi nonostante tutto).

Maitland Niles 5: Altra prestazione opaca dell’inglese che mette in mostra un primo tempo assolutamente insufficiente. Basta e avanza per la sua partita (dal 46′ Karsdorp 5,5: Fa meglio del compagno inglese, ma da lui si si aspetta di più).

Cristante 6,5: Illuminante il filtrante che permette a Shomurodov di insaccare successivamente in rete. Gioca una buona partita e colpisce una traversa che gli nega la gioia del gol e della vittoria.

Veretout 5,5: Inizio volenteroso e proseguo non positivo. Si spegne alla distanza senza lasciare grandi tracce sulla partita (dal 60′ Shomurodov 7: Entra e ritrova finalmente la via del gol. Realizzazione pesante visto che evita una grande figuraccia alla Roma)

Spinazzola 6,5: La nota più lieta della partita della Roma. Spina è tornato e finalmente gioca dal primo minuto. La partenza è ottima e lui ha voglia di fare, Mourinho giustamente lo preserva. (dal 46′ Zalewski 6,5: Uno dei pochi a sapere perfettamente cosa fare. Cambia il volto della Roma e la rende più offensiva).

Pellegrini 6,5: Manca la ciliegina sulla sua prestazione che resta comunque di alto livello. Purtroppo il gol sembra non voler proprio arrivare. Ci prova su punizione due volte e per altrettante volte prende la traversa.

Carles Perez 5: Altra prestazione in cui lo spagnolo si è visto poco e ha sprecato tanto (dal 83′ Volpato SV)

Abraham 5,5: Oggi è meno brillante del solito. Gira molto a vuoto e tira poco in porta. Prova a giocare per i compagni.

Josè Mourinho 5: Vero, la sua squadra termina con 46 tiri e con 3 legni, però stiamo pur sempre parlando della Roma che gioca un match importante contro un Venezia già in Serie B. Un gol così a freddo non è da prendere e nonostante i tanti tiri, la precisione è mancata. Rischia di pesare molto questo pareggio.

Le pagelle del Venezia

Maenpaa 7: Provvidenziale in più occasioni. La Roma tira tanto e calcia da ogni posizione ma il portiere finlandese si fa trovare pronto regalandosi una notte da protagonista.

Ampadu 6,5: Regge bene l’urto di una fase offensiva molto forte come quella della Roma. Per quasi 70 minuti sembra non avere problemi di alcun tipo ad arginare i giallorossi.

Caldara 7: Prestazione importante per l’italiano che spegne la luce ad Abraham e si rende utile in tutte le zone del reparto difensivo.

Ceccaroni 6,5: Grandi interventi, buona fisicità e tantissima voglia. La prestazione del difensore è ottima, così come quella di tutta la difesa del Venezia.

Mateju 5,5: Timido nel provare a spingere sugli esterni. Sfida Spinazzola che gli rende la vita difficile. (dal 65′ Svoboda 6: Si aggrega alla linea difensiva di Soncin per arginare l’avanzata giallorossa).

Crnigoj 6: Si mostra timidamente in fase offensiva durante il primo tempo, ma nel complesso gioca un buon match, soprattutto di grande quantità.

Vacca 5: Ingenuo nell’ammonizione che spaventa subito Soncin. Il suo temperamento spaventa il mister che lo toglie subito. Tra l’altro, salterà il prossimo match visto che era diffidato (dal 28′ Fiordilino 6: Niente di negativo da segnalare. Fa quel che può in un match complicato).

Haps 6: Veloce e con un buon mancino. Gioca una buona gara sugli esterni.

Aramu 6,5: La luce che accende la qualità del Venezia. Dopo nemmeno un minuto disegna una traiettoria deliziosa per Okereke. Nel resto del match, tra grandi assist e sacrificio difensivo, non sfigura affatto (dal 65′ Peretz 6: Nessun errore da segnalare dopo il suo ingresso in campo).

Kiyine 4: Ingenuo. Fallo di reazione su Pellegrini che non ha un senso logico se non quello di far estrarre all’arbitro il cartellino rosso che lascia dopo poco più di mezz’ora la squadra in 10.

Okereke 6,5: Segna subito a sorpresa in questo match e spaventa la Roma. Il ragazzo è veloce e molto tecnico, Anche oggi lo dimostra. (dal 80′ Johnsen SV)

Andrea Soncin 6,5: Il Venezia ci mette sacrificio e carattere nonostante sappia della matematica certezza della Serie B. Questa squadra aveva dimostrato, all’andata, di avere ottimi interpreti e di poter stupire la Serie A. Peccato poi la luce si sia spenta.