Champions League, Roma-Liverpool: sold out all’Olimpico in 3 ore, ma è allarme hooligans

Non poteva che essere così. Roma-Liverpool sarà tutto esaurito (biglietti finiti in 3 ore) e a distanza di dieci giorni dalla grande sfida di Champions League, si respira un’aria incredibile. La Roma a Ferrara ha passeggiato, martedì ad Anfield si giocherà la grande opportunità di andare in finale di Champions. 

Non capita da 35 anni, l’ambiente è carico e la fortuna sembra essere dalla parte dei giallorossi (oggi autorete e rigore abbastanza evidente non fischiato alla Spal). Insomma, una partita che vale una stagione e che vede tutta Italia (o quasi) tifare per i giallorossi.

Non sosterranno i giallorossi naturalmente i tifosi laziali, che non potrebbero sopportare una eventuale vittoria della Roma. Sarebbe un’onta troppo grande da sopportare, in considerazione del fatto che la finale sarà il 26 maggio giorno in cui la Lazio vinse la famosa Coppa Italia con il gol di Lulic. Tifo e scongiuri Insomma, come da tradizione.

Fonte immagine: Facebook

Il 2 maggio all’Olimpico ci sarà una bolgia e il Liverpool sa che non potrà fallire la gara di martedì perché recuperare un risultato sfavorevole a Roma sarà un’impresa. Per qualsiasi cosa, chiedere al Barcellona di Messi che si era presentato all’Olimpico in vantaggio di tre reti.

L’unica grande preoccupazione per quella serata saranno gli hooligans, che verranno in massa per sostenere il Liverpool e imporre la loro supremazia fuori dal campo. Il Comune di Roma ha attivato il protocollo sicurezza e farà di tutto per impedire che le due tifoserie vengano a contatto.