Roma-Genoa 1-0, voti e pagelle: “Mancini match winner. Il centrocampo non fa rimpiangere Veretout”.

Vittoria di misura per la Roma di Paulo Fonseca che si aggiudica i tre punti casalinghi grazie al colpo di testa di Mancini. Il Genoa gioca bene, ma non concretizza.

Roma-Genoa 1-0 (Mancini)

Basta il minimo indispensabile alla Roma per portare a casa tre punti pesantissimi contro un Genoa poco incisivo in attacco.

La squadra di Fonseca festeggia i 3 punti grazie all’incornata in terzo tempo di Gianluca Mancini che decide il match. I giallorossi sembrano ancora lontani dalla miglior versione di se, ma alcune indicazioni interessanti sono pervase nel lunch match di oggi.

Smalling è tornato in gran forma e il centrocampo, orfano di Veretout, dona equilibrio e ottime giocate. Bene Diawara, Villar e Pellegrini, ancora incerta la prestazione di Mayoral.

Il Genoa gioca un buon match ma si perde nei dettagli. Masiello si fa beffare da Mancini durante l’azione del gol, mentre gli attaccanti non tirano quasi mai in porta.

Bene Badelj, Strootman e Criscito.

Le pagelle della Roma

Pau Lopez 6: Non ha sussulti in questa partita. Il Genoa è pericoloso concettualmente, ma non riesce a tirare in porta e lo spagnolo è spettatore non pagante.

Mancini 7: Raggiunge Bremer nella classifica gol dei difensori e lo fa grazie ad un terzo tempo precisissimo che non lascia scampo a Marchetti. Sempre più leader della squadra e non solo per il gol. Difensivamente è perfetto.

Smalling 6,5: Imperioso in area di rigore. Sembra aver ritrovato la condizione fisica migliore e dimostra di poter giganteggiare contro qualsiasi avversario. Pjaca, Destro e Shomoudorov non hanno speranze.

Cristante 6: Il meno vistoso dei difensori centrali, ma pur sempre positivo. Non sfigura nelle poche volte che il Genoa prova a puntarlo.

Karsdorp 6: Meno coinvolto rispetto ad altre partite, ma pur sempre prezioso. Prova a dare superiorità alla manovra offensiva e in difesa resta concentrato senza sbavature.

Pellegrini 6,5: Ritorna centrocampista centrale e dimostra di sapere ancora come si fa. Prende le chiavi tecniche della squadra e propizia il gol del vantaggio con un calcio d’angolo ben battuto.

Diawara 6,5: Come a Firenze, l’importanza della sua partita e del suo “pulire” ogni situazione di palleggio o di recupero palla è incalcolabile. Gioca con grande fiducia e personalità e dimostra che le qualità tecniche non mancano. Se continua a giocare così, il centrocampo è in buone mani. (Dal 59’ Villar 6,5: Entra molto bene in campo e sfiora il colpo del ko spegnendo il suo tiro sul palo. Continua il lavoro iniziato da Diawara e si dimostra giocatore fondamentale).

Bruno Peres 5,5: Ci si aspettava qualcosa di più in una fascia in cui il Genoa non ha mai spinto più di tanto. Il brasiliano è poco coraggioso nel puntare l’uomo e si limita al compitino. (Dal 87’ Spinazzola SV)

El Shaarawy 6: Deve ancora trovare continuità per reggere 90 minuti e la prova di oggi è meno vistosa rispetto alle volte in cui è subentrato. Il faraone va a sprazzi ma è una pedina di grande valore a questo punto della stagione. (Dal 59’ Mkhitaryan 6: Non vuole strafare, ma regala alcune giocate di grande eleganza. Amministra ciò che era già stato fatto dai compagni).

Pedro 6,5: Il VAR gli nega il gol, ma oggi è finalmente il giocatore illuminante che tutta Roma vuole vedere. Lo spagnolo dispensa qualità a destra e manca, forse gli manca ancora quella continuità che aveva dimostrato nelle partite di Europa League, ma la classe di questo giocatore è indiscutibile. (Dal 75’ Carles Perez 6: Amministra e non commette errori)

Borja Mayoral 5,5: Diventano 6 le partite senza gol. Lo spagnolo soffre le difese schierate e non riesce a fare il lavoro di sponda tipico del gioco di Edin Dzeko. Può far meglio, ma oggi la squadra ha difeso il risultato e non lo ha servito al meglio. (Dal 87’ Fazio SV)

Fonseca 6,5: Non è una Roma estremamente convincente quella di oggi pomeriggio ma la partita condotta è intelligente e sufficiente per portare a casa i 3 punti. Il centrocampo, orfano di Veretout, gioca bene e Mancini sembra poter diventare un vero leader. Tante note positive ma serve migliorare il gioco.

Le pagelle del Genoa

Marchetti 6: Non può nulla sul gol di Mancini ma si fa apprezzare per alcune uscite coraggiose e parate provvidenziali.

Masiello 5: Lascia a Mancini, uno dei migliori saltatori della Serie A, la libertà di poter colpire di testa e siglare l’1-0. Da uno con la sua esperienza ci si aspetta qualcosa di meglio in marcatura.

Radovanovic 6: Balla un po troppo quando la Roma concretizza la superiorità numerica, ma compie anche degli interventi molto interessanti che tengono a galla il Genoa.

Criscito 6: Mai domo. Prova in tutti i modi a scuotere i suoi, ma l’attacco oggi è al di sotto delle aspettative.

Ghiglione 5,5: Si abbassa molto per dare man forte alla difesa dei grifoni e in fase offensiva non si vede mai. Ballardini vuole una squadra diversa nel secondo tempo e lo sostituisce. (Dal 46’ Cassata 6: Poche sbavature e qualche ripartenza interessante. Purtroppo per il grifone non cambia di molto il volto della partita).

Zajc 5,5: Non convince. Si vede pochissimo nel match e nonostante qualche tentativo di ispirare la fase offensiva, sembra molto al di sotto delle aspettative. (Dal 79’ Melegoni SV)

Badelj 6,5: Il migliore dei suoi. Ottimo nel recuperare palloni e nello sfidare fisicamente giocatori di grande tecnica come Pedro e El Shaarawy. Le ripartenze vengono propiziate da lui e dimostra una netta crescita.

Strootman 6: Il ritorno all’Olimpico di Roma, da ex, è più che sufficiente. L’olandese è incaricato di dare equilibrio e corsa alla manovra del Genoa e lo fa più che bene. L’intesa con Badelj funziona ma l’attacco spara a salve. (Dal 77’ Scamacca 5,5: Come i suoi compagni di reparto, non ha modo di tirare).

Zappacosta 6: Nel primo tempo è tra i più concreti. Si spegne nel secondo ma la sua prestazione resta sufficiente.

Pjaca 5: Sulla falsa riga della complicata stagione che il croato sta affrontando, anche oggi è totalmente fuori da ogni azione della propria squadra. Schierato un po a sorpresa, fa capire in 45 minuti che questa non era la sua partita. (Dal 46’ Shomurodov 5,5: Fa presto la conoscenza di Smalling e da li prova a iniziare l’azione da fuori area, senza mai impensierire la Roma.

Destro 5,5: Fa un grande lavoro di aiuto difensivo e riesce a far ripartire i suoi. Peccato che anche lui veda pochissimo la porta.

Ballardini 5,5: Complessivamente in Genoa gioca bene. Badelj e Strootman stanno trovando forma e intesa per trascinare la squadra, ma il grifone viene tradito da un attacco sterile e dalla marcatura di Masiello. Pjaca schierato dal primo minuto non incide mai, ma la partita era complicata.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Sisal Matchpoint

5€ Bonus Scommesse alla RegistrazioneFino a 350€ di Bonus