Roma, dal caso alla rottura totale: quale futuro per Veretout?

Roma, scoppia il caso Veretout: il francese, escluso dalla lista dei convocati per la sfida di Genova contro la Sampdoria, non si allena più con i compagni. La separazione diventa inevitabile, dopo il rifiuto del rinnovo.

Jordan Veretout e la Roma sono sempre più distanti: domani, la squadra giallorossa gioca una partita difficile sul campo della Sampdoria, con l’intento di riprendersi il quinto posto in classifica e, con esso, un posto assicurato nella prossima Europa League.

Mourinho ha però deciso di sposare la linea della società, escludendo di fatto il francese dalla partita: “Posso solo dire che non si allena con i compagni e domani non sarà a disposizione”, ha commentato, laconico, il mister portoghese in conferenza stampa pre match.

Negli ultimi giorni, il centrocampista francese è finito al centro delle polemiche per un party organizzato dalla moglie Sabrina, risultata positiva al Covid-19, in quel di Montecarlo. Ma a far infuriare la Roma è il rifiuto del rinnovo di contratto da parte di Veretout, che per continuare a vestire la maglia giallorossa ha chiesto sei milioni netti all’anno.

Uno sproposito per la società capitolina, convinta di poter strappare il sì del calciatore per una cifra pari alla metà di quella richiesta. Il calciatore, in rotta anche con l’agente Mario Giuffredi, ha fatto sapere di non aver alcuna intenzione di firmare il rinnovo, così facendo si è autoescluso dal progetto giallorosso.

Ad assumerne la procura è stato Kevin Benhaim, che ieri ha depositato il mandato del calciatore presso la sede della Federcalcio francese. Insieme, avranno il compito di trovare un’altra squadra. Una soluzione che permetta a Veretout di mantenersi ad alti livelli, dopo aver sfiorato, in passato, le maglie di Napoli e Milan.

E ancora i rossoneri potrebbero tentare un affondo, in estate, con l’intento di sostituire il partente Kessie (destinato al Barcellona). Occhio anche al Marsiglia, che secondo il Corriere dello Sport, sarebbe pronto a mettere sul piatto 20 milioni di euro.