Roma-Cremonese 1-0: “Smalling regala 3 punti ai giallorossi, Pellegrini dispensa calcio, ma il migliore è Radu”

Secondo 1-0 stagionale per i giallorossi che vincono grazie al gol di Smalling.

2 su 2 per la Roma di Josè Mourinho che vince il primo match casalingo della stagione battendo una grande Cremonese.

I giallorossi partono subito molto bene ma devono, ben presto, fare i conti contro la spregiudicatezza di una Cremonese molto arcigna e volenterosa.

I grigiorossi mettono in seria difficoltà i capitolini che, però, riescono a vincere grazie al secondo 1-0 consecutivo.

E’ Smalling a regalare la vittoria ai giallorossi grazie a un colpo di testa su assist di Pellegrini. Il capitano giallorosso è il vero e proprio protagonista del match della sua squadra e dispensa calcio ai compagni.

Bene anche Paulo Dybala, mentre è sfortunato Nicolò Zaniolo che è costretto ad uscire per infortunio alla spalla, si pensa che dovrà restare fermo ai box per tre settimane.

La partita è molto combattuta e sono due i legni totali, uno per parte. La Roma prova con grande veemenza a superare il muro difensivo della Cremonese ma la serata di grazia di Ionut Radu mantiene a galla i suoi, fino al citato gol del difensore inglese.

Le pagelle della Roma

Rui Patricio 6: Ringrazia la traversa sul tiro di Dessers. Per il resto è normale amministrazione.

Mancini 6: Ottimo nel gioco aereo, per quanto riguarda la fase difensiva sfoggia una prestazione di normale amministrazione.

Smalling 7: Pulito e bravissimo in difesa, ma in questo match risulta decisivo in zona gol. Come sempre, giganteggia sui corner offensivi e regala tre punti ai suoi.

Ibanez 6: Anche per lui, normale amministrazione difensiva. Bravo nonostante la velocità dei suoi avversari.

Karsdorp 6: Meno veloce e ispirato del solito, ma non commette errori di grande rilevanza. (Dall’86’ Celik sv).

Pellegrini 7,5: Mai domo. Nonostante il suo arretramento a centrale di centrocampo, il capitano giallorosso è praticamente ovunque. Dispensa calcio con la sua enorme qualità e sigilla anche l’assist per il gol di Smalling. E’ lui l’uomo copertina di una vittoria rivelatasi comunque difficile.

Cristante 6,5: Sempre presente. Ha ragione Mourinho nel pensare che Bryan sia indispensabile. Dona equilibrio alla manovra e risulta efficace sia in fase di possesso, sia in difesa.

Spinazzola 6: Deve ancora trovare la miglior forma, ma è sulla strada giusta. Si fa apprezzare anche per qualche sgasata offensiva. (Dal 73′ Zalewski sv).

Dybala 6,5: La prima della Joya all’Olimpico è di estrema qualità. Sembra già essere forte e fluida l’intesa con Zaniolo e Abraham e prova anche più volte a siglare il suo primo sigillo giallorosso. Radu dice di no, ma la prestazione resta positiva.

Zaniolo 6: Inizia con grande voglia e parte bene, fino all’intervento fin troppo aggressivo di Lochashvili che mette k.o. la spalla di Nicolò. Dovrebbe star fuori per 3 settimane. (Dal 45′ El Shaarawy 6,5: Entra bene in campo ed è sfortunato nella ripresa quando, dopo una buona azione, colpisce la traversa).

Abraham 5,5: Anche oggi, non è la sua miglior prestazione. Impreciso e sprecone sotto porta, deve ancora trovare la miglior condizione.

José Mourinho 6,5: Minimo sforzo, massima resa. I giallorossi hanno un buon atteggiamento a inizio partita, poi la Cremonese prende campo nonostante i tanti tiri tentati dai giallorossi. I tre punti, comunque, erano fondamentali e sono stati ottenuti.

Le pagelle della Cremonese

Radu 7,5: Dopo una settimana difficile che ha fatto riemergere i fantasmi del passato a causa della papera del Franchi, Ionut rivede la luce con una prestazione eccellente. Provvidenziale su Pellegrini, Zaniolo, Dybala e Abraham, mentre non può nulla sul colpo di testa di Smalling. Prestazione, comunque, monumentale.

Aiwu 6: Prestazione interessante. Sfrutta la sua velocità da terzino, per anticipare le avanzate degli avversari dimostrando utile anche nella posizione di difensore centrale che Alvini gli ha confezionato. (Dal 56′ Bianchetti 5: Entra in campo e non incide, anzi, sul calcio d’angolo che decide la gara sbaglia ampiamente).

Chiriches 6,5: Non era una partita semplice ma si comporta molto bene. Contro Abraham non sembra avere difficoltà. Recupero stupendo su Dybala.

Lochoshvili 6: Poteva essere meno aggressivo nel contatto con Zaniolo, ma nel complesso il suo agonismo è utile per la Cremonese. Un debutto in Serie A abbastanza buono. (Dall’85’ Ciofani sv). 

Ghiglione 6: Ottimo dispensatore di cross e sfida a viso aperto un cliente scomodo come Spinazzola. (Dal 56′ Baez 6: Entra bene).

Pickel 6,5: Sfortunato nello scheggiare il palo nel finale, ma nel complesso il match del calciatore della Cremonese è ottimo. Sfida Dybala senza paura e sfugge alla sua pressione e si dimostra un calciatore di grande equilibrio e costanza.

Ascacibar 6: Lotta con grande agonismo contro Cristante. Buon piede sinistro e ottima visione.

Valeri 6,5: Che sorpresa! Brucia Karsdorp nell’uno contro uno sulla fascia e salva un gol già fatto contro Abraham. Lui, laziale dalla nascita, ha dato un gran bel filo da torcere alla Roma.

Zanimacchia 5,5: E’ un giocatore importante per la Cremonese e un trequartista di grande qualità. Peccato che nella bolgia dell’Olimpico si spegne un po’. (Dal 56′ Buonaiuto 6: Si propone con buona personalità).

Dessers 7: Dopo la finale di Conference League, l’ex Feyenoord torna a sfidare la Roma e si dimostra una enorme spina nel fianco per la difesa giallorossa. Fa reparto praticamente da solo grazie alla sua ottima fisicità e senso della posizione. Fa tremare la traversa nel primo tempo.

Okereke 5: Nonostante la buona prestazione contro la Fiorentina, l’ex Venezia compie un passo indietro e sembra ancora indietro di condizione. Grande velocità, ma inutilizzata contro la difesa giallorossa. (Dall’80’ Tsadjout sv).

Massimiliano Alvini 6,5: La sua squadra è spregiudicata, vogliosa e di grande talento. Alvini va all’Olimpico a testa alta e con grande personalità e quasi non compie lo scherzetto ai giallorossi. Stoico il pressing e la capacità di sacrificio dei suoi ragazzi, peccato per l’esito che non macchia la prestazione eccellente della sua squadra.