Roma-Atalanta 1-0, voti e pagelle: “La decide Abraham, Zaniolo inventa”

La Roma vince il big match dell’Olimpico grazie al 20° gol stagionale di Abraham.

Settimo risultato positivo consecutivo della Roma che, rispetto alle altre volte, può mettere in tasca 3 punti importantissimi contro una delle prime della classe.

I giallorossi vincono 1-0 contro l’Atalanta e rilanciano le proprie ambizioni europee agganciando in classifica proprio la Dea grazie alla rete, la 20° in stagione, di Tammy Abraham.

E’ una Roma convincente quella che si vede nell’anticipo della 28^ giornata, trascinata proprio dal suo bomber inglese, ma anche da un ritrovato Zaniolo complice del gol del compagno grazie ad una giocata pregevole fatta di stop e assist semplicemente illuminanti.

Nella Roma, a dire il vero, illuminano in molti in questa partita e non era per nulla scontato vedere i capitolini performare così contro una delle squadre più forti del campionato dal punto di vista tecnico.

L’Atalanta non è stata la solita grande macchina, ma ciò è dovuto anche ai tanti infortuni e ad una formazione che, questa volta, non ha dato le garanzie giuste.

I giallorossi tornano a sperare per l’Europa che conta e, intanto, pareggiano i punti con l’Atalanta che dopo il 4-0 contro la Sampdoria deve digerire questo scivolone.

Le pagelle della Roma

Rui Patricio 6,5: Partita tranquilla finché non deve effettuare una coraggiosa uscita su sortita di Freuler, chiude benissimo la porta e salva il risultato.

Mancini 6: A inizio match sfiora il gol di testa, poi gioca un buon match in fase difensiva senza rischiare troppo e coprendo bene i possibili inserimenti dei bergamaschi.

Smalling 6,5: Il più convincente tra i difensori giallorossi. Lavora bene con le linee offensive della Dea e si dimostra grande leader al centro della difesa. Pochissimi errori e tante lotte vinte.

Kumbulla 6: Sicuramente in crescita rispetto all’inizio della stagione. Partita corretta e concreta sporcata solo da un’ammonizione che, però, gli varrà la squalifica nel prossimo turno.

Karsdorp 6,5: Propizia con un bel recupero palla e un altrettanto bel lancio il gol della Roma ma, soprattutto, sembra tornato ai suoi livelli ottimali. Dopo qualche partita poco convincente, serviva una prestazione così. (dal 84′ Ibanez 5,5: Entra, torna in campo da ex, prende un giallo dopo pochissimi secondi… poteva andare meglio).

Mkhitaryan 6,5: Un professore a centrocampo. Sbaglia pochissimo, dispensa palloni deliziosi e invitantissimi ai compagni che non sempre sfruttano al meglio. Meno presente in fase offensiva, rispetto alla scorso anno, ma molto concreto. Fa valere l’esperienza in maniera unica. Espulsione, però, molto ingenua.

Cristante 6: Sempre una certezza per la sua concretezza di gioco e la sua capacità di bloccare la frenesia del match. Oggi fa soprattutto cose semplici, senza sbagliare.

Pellegrini 6,5: Illuminante anche se leggermente più arretrato del solito. Qualitativamente la Roma non può invidiare nessuno, specie a centrocampo e dal suo capitano arrivano interessantissime manovre da dover sviluppare e costruire. Pian piano sta tornando ai suoi grandi livelli. (dal 83′ S.Oliveira SV)

Zalewski 6,5: Altra prestazione ben positiva del ragazzino giallorosso. Bravissimo tra le linee dell’Atalanta a seminare panico e dare qualità alla Roma. Il momento di forma è ottimo e Mourinho vuole sfruttarlo a tutti i costi. (dal 62′ Vina 6: Un tiro spedito fuori e qualche buona sortita. Entra comunque bene).

Zaniolo 7,5: Lo stop e l’assist per il gol di Abraham valgono, da soli, il prezzo del biglietto. Questo è il vero Zaniolo, questa è la qualità che ha sempre dimostrato di avere e oggi sembra particolarmente ispirato. Segna, ma viene annullato il gol per giusto fuorigioco, ma resta il migliore in campo. (dal 75′ Veretout 6: Contribuisce al raggiungimento del risultato).

Abraham 7: 20 in stagione (considerando tutte le coppe) per Tammy. Raccoglie il regalo confezionato da Zaniolo e non perdona davanti alla porta. Un gol che può valere tanto, per il morale, per la stagione e per gli obiettivi della Roma. Nel complesso, partita più che buona dove si rende spesso pericoloso. (dal 83′ Afena-Gyan SV)

Josè Mourinho 7: Una Roma che ha grinta e fame di portare a casa il risultato. L’Atalanta, quest’anno, porta bene e lo dimostra l’ottima prestazione (soprattutto corale) dei giocatori giallorossi. Tutti uniti per la vittoria e tutti complici di una discreta qualità vista nel proprio gioco.

Le pagelle dell’Atalanta

Musso 6,5: Soprattutto nel primo tempo compie buone parate. Non può nulla sul gol di Abraham.

Hateboer 5,5: Non la solita partita. Gli esterni non spingono come al solito anche a causa di una prestazione qualitativamente meno importante di tutta la squadra. Fatica ad incidere.

Demiral 5,5: Nell’ultima fase del match gioca da attaccante aggiunto. Non basta, però, per salvare il risultato e onestamente non basta neanche ciò che ha fatto in difesa.

Palomino 5,5: Zaniolo e Abraham sono clienti scomodissimi da affrontare e l’argentino deve cedere, soprattutto in velocità, ai due avversari. Qualche sbavatura di troppo nella sua prestazione. (dal 81′ Djimsiti SV)

Zappacosta 6: Sfortunato. La sua partita dura poco più di 20 minuti, poi deve uscire per infortunio, l’ennesimo per i nerazzurri. (dal 21′ G.Pezzella 5,5: Come per Hateboer, anche lui oggi è meno lucido del solito. La Roma si accentra molto e gli esterni bergamaschi oggi spingono poco).

De Roon 5: Nervoso e arrabbiato, anche perché il centrocampo della Roma imbriglia per bene quello della Dea. Conclude il match un minuto prima del fischio finale a causa di un’espulsione per proteste.

Freuler 5,5: Soffre la qualità della Roma ed è meno convinto nel cercare di proporsi in fase d’attacco.

Miranchuk 5,5: Non è una partita facile per una serie di motivi, anche extra campo, infatti non sembra troppo tranquillo. Poche idee e molto confuse.

Koopmeiners 6: Non incide come fatto contro la Sampdoria, ma gioca una buona partita. Utile in molte zone del campo e presente nel palleggio, peccato non riesca ad andare oltre ciò. (dal 60′ Boga 5,5: Oggi la macchina da dribbling si inceppa. Non è risolutivo).

Pessina 5,5: Sbatte contro il muro difensivo della Roma senza trovare soluzioni. Impreciso e con poche idee per risolvere il match. (dal 60′ Malinovskyi 6: Entra con voglia nonostante il periodo non sia dei migliori vista la situazione del suo Paese. Ci prova, senza precisione).

Pasalic 5: Causa emergenza in attacco, svolge un tempo da falso nueve senza, però, trovarsi a suo agio. Gioca poco e male. (dal 46′ Muriel 5: Sbatte ripetutamente sulla difesa giallorossa. Viene servito poco e male, ma anche lui non sembra nella sua miglior versione e gli errori si vedono).

Gian Piero Gasperini 5,5: Non è una bella Atalanta quella vista all’Olimpico, ma non è nemmeno possibile giudicare nel complesso una squadra dilaniata dagli infortuni. Oltre l’elemento tecnico, è mancata grinta e c’era fin troppo nervosismo.