Qualificazioni Europei 2020, risultati 5° giornata: Italia quasi qualificata, Bosnia e Finlandia ok, Spagna vincente con il brivido

Armenia-Italia 1-3: non è stata una prova scintillante, ma l’importante era ottenere altri tre punti per raggiungere la qualificazione europea il prima possibile. L’Italia è stata sorpresa prestissimo da un contropiede armeno che ha portato Karapetyan a segnare il gol del vantaggio in diagonale, ma prima della mezz’ora Belotti ha ripristinato l’equilibrio appoggiando in rete un cross da sinistra di Emerson. Malgrado l’espulsione dello stesso marcatore armeno per un inesistente fallo su Bonucci e la conseguente superiorità numerica goduta per tutta la ripresa, gli azzurri fanno una gran fatica a creare azioni pericolose riuscendo a passare soltanto al 76° con un colpo di testa di Pellegrini, entrato poco prima per un evanescente Chiesa, e a chiudere il discorso al minuto 79 con un tiro di Belotti che finisce sul palo e poi in rete a causa dello sfortunato tocco di Hayrapetyan. La partita si conclude praticamente qui e la classifica vede ora i nostri sempre al comando con 15 punti, nove in più della stessa Armenia rimasta terza. Gli Europei sono ormai vicinissimi e potrebbero arrivare addirittura giovedì in caso di vittoria in Finlandia e risultati favorevoli dagli altri campi.

Bosnia-Erzegovina-Liechtenstein 5-0: abbastanza agevole la vittoria dei balcanici, anche se questi riescono a dilagare solo nel finale contro una squadra inferiore, ma coriacea. Gojak apre le marcature dopo una decina di minuti e, dopo una lunga serie di tentativi, bisogna attendere addirittura l’80° per il raddoppio ad opera di Duljevic. Negli ultimi cinque minuti Dzeko, Visca e ancora Gojak completano il tabellino. Questa vittoria riporta i bosniaci al terzo posto ai danni dell’Armenia, che scende al quarto posto.

Far Oer-Svezia 0-4: Isak (2), Lindelof e Quaison risolvono la pratica in quaranta minuti e mantengono i giallazzurri al secondo posto.

Finlandia-Grecia 1-0: un rigore di Pukki ad inizio ripresa permette ai finnici di mantenersi a +5 dalla Bosnia terza classificata. Anche per loro l’Europeo è sempre meno lontano.

Gibilterra-Danimarca 0-6: le doppiette di Eriksen (due rigori) e Gytkjaer e gli acuti di Skov e Delaney permettono ai danesi di poter progettare l’aggancio al primo posto nel prossimo match contro la Georgia.

Irlanda-Svizzera 1-1: il match si accende nel finale grazie ai gol di Schar e McGoldrick giunti nell’ultimo quarto d’ora. il pareggio non fa comodo a nessuna delle due compagini: gli irlandesi, sempre primi con 11 punti, potrebbero essere raggiunti dalla Danimarca nella prossima giornata, mentre la Svizzera non fa passi avanti e resta a -3 dal secondo posto.

Israele-Macedonia del Nord 1-1: Ademi al 64° risponde a Zahavi, in gol dieci minuti prima, e impedisce ai padroni di casa di consolidare la seconda piazza, che domani potrebbe andare all’Austria in caso di successo sulla Lettonia.

Norvegia-Malta 2-0: le reti di Borge e King sono sufficienti per vincere, ma non per portare i vichinghi al secondo posto ancora in mano alla Svezia. Lo scontro diretto tra le due scandinave in programma fra tre giorni a Stoccolma potrebbe essere decisivo in tal senso.

Romania-Spagna 1-2: gli iberici soffrono, ma vincono meritatamente a Bucarest grazie ai gol di Ramos su rigore e di Alcacer. Ai rumeni non bastano né il gol della speranza di Andone, né le grandi parate di Tatarusanu né, ancora, la superiorità numerica goduta nel finale per un’espulsione errata di Llorente. All’ultimo secondo Kepa mura Puscas e Grigore sbaglia da pochi passi il gol del pareggio che avrebbe permesso ai rumeni di restare incollati alla Norveglia e alla Svezia, ora a +1 e a +3. La prossima giornata sarà, però favorevole: la Romania, infatti, incontrerà la debole Malta e a Stoccolma ci sarà il derby tra le scandinave.

Ludovico Maiorana

Informazioni sull'autore
Sono Ludovico Maiorana, ho 33 anni, quasi 34, e sono di Barcellona Pozzo di Gotto. Sono laureato in Scienze Storiche e scrivo per Stadiosport.it.
Tutti i post di Ludovico Maiorana