Olimpiadi Pechino 2022: Brignone d’argento nel gigante. Italia del curling in finale

Olimpiadi Pechino 2022: arriva l’argento di Federica Brignone nello slalom gigante. Il duo misto del curling si giocherà l’oro. Wierer e Vitozzi male nel biathlon femminile.

Altra giornata di medaglie per l’Italia alle Olimpiadi Pechino 2022: all’impresa di Arianna Fontana, che con l’oro nello short-track (500 m) conquista la seconda medaglia personale in questa edizione dei Giochi e affianca una leggenda come Stefania Belmondo, si aggiunge l’argento vinto da Federica Brignone nello slalom gigante sulla pista della stazione di Xiaohaituo.

L’atleta milanese, del gruppo sportivo dei Carabinieri, si piazza dietro la svedese Sara Hector, che la precede di 28 centesimi (chiude in 1:55.69) confermandosi regina di una specialità che l’ha vista vincere tre gare e conquistare cinque podi sulle sei prove disponibili.

In assenza di Sofia Goggia, che ha miracolosamente recuperato dall’infortunio al ginocchio e sarà presente ai blocchi di partenza del Supergigante il prossimo 11 febbraio, è Federica a portare in alto il vessillo tricolore. Lei, bronzo quattro anni fa in Nord Corea, conquista la seconda medaglia olimpica della propria carriera.

Male le altre azzurre: Cutroni è ventiquattresima dopo due manches, mentre Bassino esce fuori pista nella prima.

Immagine
Federica Brignone, argento nello slalom gigante alle Olimpiadi di Pechino 2022. Fonte: account Twitter Italiateam

La giornata azzurra è proseguita con l’impresa del duo Constantini-Mosaner nel misto del curling: la coppia azzurra ha battuto la Svezia 8-1 e si giocherà dunque l’oro contro la Norvegia. Comunque vada, si tratterà di un risultato storico, in quanto l’Italia del curling non ha mai raggiunto un podio olimpico.

Nel biathlon femminile, infine, si registra l’oro della tedesca Denise Hermann nella 15 Km individuale femminile. Male le nostre italiane di punta: Wierer è solo diciottesima, pagando tre errori nelle serie in piedi, mentre Vitozzi è addirittura settantaseiesima, con otto errori che la vedono mancare tutti i bersagli della prima serie a terra.