NBA 2018/19, Recap 19 Dicembre: vincono Raptors, Bucks, Thunder e Sixers. Rockets da record. Ko Warriors e Celtics

Notte NBA davvero piena, con la bellezza di dodici partite disputate. Cominciamo il nostro viaggio dal Toyota Center di Houston, dove i Rockets centrano la 5° W di fila contro i Washington Wizards e centrano il record di triple in una singola partita, mettendone a segno la bellezza di 26 (su 55 tentativi). Sugli scudi al solito Harden (35+9 assist), insieme a Paul (21+8 assist) e Capela (20+12 rimbalzi); Beal (28+7 assist) è nuovamente il migliore nei Capitolini. Restiamo in Texas e parliamo di San Antonio Spurs, che travolgono a domicilio gli Orlando Magic. All’Amway Center, la squadra di coach Popovich manda a referto tutti gli effettivi, con Aldridge (20) e Belinelli (18 e 7/9 dal campo) in evidenza. Augustin (17) si salva nei floridiani.

Serata da ricordare per gli Houston Rockets che, al Toyota Center, battono i Washington Wizards e, mettendo a referto ben 26 triple, migliorano il record di canestri dalla lunga distanza in una singola partita (foto da: youtube.com)

Ripartono di rimonta i Toronto Raptors, che alla Scotiabank Arena abbatte la resistenza degli Indiana Pacers grazie ad un quarto periodo da 11-24 di parziale e al solito Leonard (28+10 rimbalzi+6 assist e 4 rubate). Oladipo (20) e Bogdanovic (18) non bastano alla squadra di coach MacMillan. Tengono il passo i Milwaukee Bucks, che sbrigano la pratica New Orleans Pelicans nel quarto periodo. Al Fiserv Forum, Antetokounmpo trascina ancora una volta i suoi (25+8 rimbalzi ed altrettanti assist), mentre Davis (27+11 rimbalzi), Holiday (25+12 assist) e Miller (20) non evitano il ko alla franchigia della Louisiana. Bene anche i Philadelphia 76ers, che al Wells Fargo Center non hanno troppi problemi nel disfarsi dei New York Knicks. Embiid (24+10 rimbalzi) e Butler (20) e Simmons (13+11 rimbalzi e 10 assist) sospingono i Sixers; Hardaway Jr (27) e Knox (21+6 rimbalzi) i migliori per gli ospiti.

Tornando ad Ovest, risalta la netta affermazione degli Oklahoma City Thunder al Golden 1 Center di Sacramento, con i Kings abbattuti da un super George (43+12 rimbalzi e 7 assist), coadiuvato dai vari Westbrook (19+17 assist+11 rimbalzi e 6 rubate), Adams (20+23 rimbalzi) e Grant (22). Non sono sufficienti per i californiani Hield (37+6 rimbalzi) e Fox (28+12 assist). Importante anche la vittoria interna dei Portland Trail Blazers che, al Moda Center, hanno la meglio sui Memphis Grizzlies, con Lillard top-scorer di serata (24); dall’altra parte, invece, spicca Conley (23+6 assist). Vittoria di rimonta per i Detroit Pistons. Al Target Center di Minneapolis, la squadra di coach Casey riprende i Minnesota Timberwolves con un quarto periodo da 40-26 di parziale, per poi spuntarla all’overtime. Bene Griffin (34+8 rimbalzi), Bullock (33) e Jackson (24+6 assist), mentre Rose (33+7 assist) e Covington (22+6 rimbalzi) non bastano ai padroni di casa.

Passiamo alle sorprese della notte. Si fermano i Golden State Warriors, sconfitti alla Vivint Smart Home Arena di Salt Lake City dagli Utah Jazz. Un match equilibrato, che ha visto i locali allungare sul +11 a metà quarto periodo; i Campioni in carica provano la rimonta nel finale, ma i Jazz la portano a casa. In evidenza Ingles (20) e Gobert (17+15 rimbalzi e 4 stoppate), mentre agli Warriors non sono abbastanza le prestazioni di Curry (32) e Durant (30+7 rimbalzi). Cadono anche i Boston Celtics, ko al TD Garden per mano dei Phoenix Suns, alla 4° W di fila. Dopo un avvio migliore dei padroni di casa, gli ospiti escono alla distanza e, presi per mano da Booker (25+8 assist), Ayton (23+18 rimbalzi) e Warren (21), portano a casa lo scalpo della squadra di coach Stevens, alla quale non basta Irving (29+10 assist e 4 rubate).

Concludiamo con i successi di Brooklyn Nets e Charlotte Hornets. La squadra di coach Atkinson non si ferma più, espugna lo United Center di Chicago negli ultimi secondi e conquista la 7° vittoria consecutiva. Contro i Bulls i migliori sono Dinwiddie (27+6 rimbalzi) ed Allen (16+12 rimbalzi), mentre nei padroni di casa spicca Dunn (24+6 assist). Gli Hornets, a loro volta, battono i Cleveland Cavaliers allo Spectrum Center. Decisivi Walker (30+6 assist), Lamb (18+12 rimbalzi) e Williams (18+10 rimbalzi); nei Cavs, il top-scorer è Clarkson (20).

Di seguito, il riepilogo della notte:

CLEVELAND CAVALIERS (8-24) @ CHARLOTTE HORNETS (15-15) 99-110

SAN ANTONIO SPURS (17-15) @ ORLANDO MAGIC (14-16) 129-90

NEW YORK KNICKS (9-24) @ PHILADELPHIA 76ERS (21-12) 109-131

PHOENIX SUNS (8-24) @ BOSTON CELTICS (18-12) 111-103

INDIANA PACERS (20-12) @ TORONTO RAPTORS (24-9) 96-99

BROOKLYN NETS (15-18) @ CHICAGO BULLS (7-25) 96-93

WASHINGTON WIZARDS (12-20) @ HOUSTON ROCKETS (16-14) 118-136

NEW ORLEANS PELICANS (15-17) @ MILWAUKEE BUCKS (21-9) 115-123

DETROIT PISTONS (15-14) @ MINNESOTA TIMBERWOLVES (14-17) 129-123 OT

GOLDEN STATE WARRIORS (21-11) @ UTAH JAZZ (15-17) 103-108

MEMPHIS GRIZZLIES (16-15) @ PORTLAND TRAIL BLAZERS (18-13) 92-99

OKLAHOMA CITY THUNDER (20-10) @ SACRAMENTO KINGS (16-15) 132-113

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo