NBA 2017/18, Recap 14 Dicembre: Vincono Warriors e Cavaliers. Ai Knicks il derby di New York

La notte NBA ha visto disputarsi cinque partite, con i riflettori puntati sulle protagoniste delle ultime tre edizioni delle Finals, ovvero Golden State Warriors e Cleveland Cavaliers. Partiamo dalla Oracle Arena, dove i californiani, sospinti dal solito Kevin Durant (36+11 rimbalzi e 7 assist), risolvono nella ripresa la pratica Dallas Mavericks, centrando l’ottava vittoria di fila. Positivi anche Klay Thompson (25) e l’israeliano Omri Casspi (17+11 rimbalzi, con 7/9 dal campo), mentre ai texani non bastano Dirk Nowitzki (18+9 rimbalzi) e l’ex Harrison Barnes (16+7 rimbalzi). Per quanto riguarda la squadra di coach Lue, alla Quicken Loans Arena contro i Los Angeles Lakers arriva la 16.esima vittoria nelle ultime 17, con un LeBron James ancora una volta in grande spolvero (25+12 rimbalzi e 12 assist, 59.esima tripla doppia in carriera in regular season), ben supportato da Kevin Love (28+11 rimbalzi). Per gli angeleni, in evidenza Brandon Ingram (26+6 rimbalzi e 6 assist), Kyle Kuzma (20+7 rimbalzi) e un Lonzo Ball quasi in tripla doppia (13+11 assist e 8 rimbalzi).

Kevin Durant continua a non far minimamente rimpiangere l’assenza di Steph Curry e, insieme a Klay Thompson, trascina i Warriors all’8° W consecutiva (foto da: twitter.com)

Al Barclays Center di Brooklyn, i New York Knicks si sono aggiudicati il derby con i Nets per la seconda volta su due in stagione. Il primo tempo è di marca Knicks, che arrivano fino al +18 sul tramonto del secondo quarto (59-41); dopo 2’35” nel terzo quarto, però, la squadra di coach Hornacek perde Porzingis (13 e 4 assist fino a quel momento), dopo un contatto con Hollis-Jefferson. I padroni di casa rimontano, passano anche in vantaggio (73-77 a 4’53” dall’ultima pausa), ma poi cedono nel quarto periodo, con i Knicks sospinti da Courtney Lee (27). Spencer Dinwiddie (26+7 rimbalzi e 7 assist) e Rondae Hollis-Jefferson (25+7 rimbalzi) non evitano la sconfitta a Brooklyn.

Tutto semplice al Target Center per i Minnesota Timberwolves, che abbattono i Sacramento Kings, assicurandosi la posta in palio praticamente con un quarto d’anticipo (71-95 al 36′). A guidare i Twolves al successo ci hanno pensato Karl-Anthony Towns (30+14 rimbalzi), Jimmy Butler (21+9 assist e 7 rimbalzi) ed Andrew Wiggins (22), mentre per i Kings i migliori sono stati ancora una volta i veterani George Hill (16) e Zach Randolph (15+9 rimbalzi). Per concludere, alla Philips Arena di Atlanta, i Detroit Pistons tornano alla vittoria dopo 7 ko in fila, avendo la meglio sugli Hawks. La sfida si decide tra secondo e terzo periodo, quando gli ospiti rifilano ad Atlanta un parziale di 55-33. Tobias Harris (19), Avery Bradley (18) ed Andre Drummond (19 rimbalzi con 12 punti ed 8 assist) si mettono in luce per gli ospiti; Ilyasova (23), invece, è il top-scorer per gli Hawks, con Belinelli in campo appena per 10′ (5 punti con 2/3 dal campo).

Di seguito, il riepilogo della notte:

NEW YORK KNICKS (15-13) @ BROOKLYN NETS (11-16) 111-104

DETROIT PISTONS (15-13) @ ATLANTA HAWKS (6-22) 105-91

SACRAMENTO KINGS (9-19) @ MINNESOTA TIMBERWOLVES (17-12) 96-119

LOS ANGELES LAKERS (10-17) @ CLEVELAND CAVALIERS (21-8) 112-121

DALLAS MAVERICKS (8-21) @ GOLDEN STATE WARRIORS (23-6) 97-112

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo