NBA 2016/17, risultati 7 Dicembre: Warriors e Cavs travolgenti. Molto bene anche i Rockets

Dieci le partite disputatesi nella notte NBA. Il big match è quello dello Staples Center, dove si sfidano due delle squadre con la rivalità più accesa dell’ultimo periodo, ovvero Clippers e Warriors. Una partita sulla carta molto interessante, ma che in realtà ha avuto ben poca storia. Golden State, con Thompson (24) e Green (22) sugli scudi, allungano già nel primo periodo (37-19), per poi chiuderla nel terzo, toccando anche il +27 a 5’35” dall’ultimo intervallo (81-54). Per gli angeleni, il migliore è Crawford (21). Se Atene piange, Sparta di certo non ride. Parliamo chiaramente dei Lakers, letteralmente spazzati via dai Rockets al Toyota Center di Houston. I texani (sette uomini in doppia cifra) partono fortissimo (27-43 al 12′), per poi chiudere la pratica con un periodo d’anticipo (77-106 al 36′). In gran serata Eric Gordon (26) e James Harden (25+8 assist e 6 rimbalzi); nei purple-and-gold, invece, si salvano Louis Williams (24) e Julius Randle (21+10 rimbalzi).

Quando giocano così, c’è ben poco da fare. Allo Staples di Los Angeles, i Warriors hanno travolto i Clippers (foto da: sportal.co.nz)

Capatina nella Grande Mela per i Cavaliers campioni in carica, ospiti dei Knicks al Madison Square Garden. Una sfida dominata da LeBron James (25+7 assist e 6 rimbalzi) e compagni sin dalla palla a due, con i locali praticamente mai in partita. Top scorer di serata è Irving (28+6 assist); bene anche Love (21), con Tristan Thompson capace di catturare 20 rimbalzi. Jennings (16) è il meno peggio per New York. Al BMO Harris Bradley Center di Milwaukee, i Bucks, sospinti da Parker (27) e dalla tripla doppia di Antetokounmpo (15+12 rimbalzi e 11 assist), mandano al tappeto i Blazers, con il terzo periodo (18-34 il parziale) decisivo nell’economia del match. Agli ospiti non bastano Lillard (30+7 rimbalzi e 6 assist) e McCollum (23). Tornano alla vittoria gli Atlanta Hawks, ok alla Philips Arena contro un’altra squadra in crisi, ovvero gli Heat (7 ko negli ultimi 10). Atlanta comanda la partita, tocca più volte un massimo vantaggio di +14, subisce un tentativo di rientro da parte della squadra allenata da Spoelstra (80-83 a 7’05” dalla fine), per poi portarla a casa. MVP di serata Dwight Howard (23+17 rimbalzi con 9/11 dal campo), coadiuvato da Millsap (21+9 rimbalzi); dall’altra parte, ok Tyler Johnson (27) e Goran Dragic (21).

Importante vittoria per gli Hornets, che alla Time Warner Cable Arena, battono i Pistons. Un match equilibrato e con un punteggio “all’europea”, risoltosi a favore di Charlotte solo nel finale. In evidenza Kemba Walker (25) e Batum (14+15 rimbalzi), con un buon Belinelli (13+5 rimbalzi); a Detroit non basta un ottimo Drummond (26+20 rimbalzi). Netta affermazione in trasferta per i Boston Celtics, corsari all’Amway Center di Orlando. Dopo un primo tempo in equilibrio, i ragazzi di coach Stevens travolgono i Magic nei secondi 24′ (68-37 il parziale). Senza Thomas, il protagonista principale è Marcus Smart (23), insieme a Crowder (17+10 rimbalzi); per i floridiani, si salva Augustin (15).

Vittoria esterna anche dei Pacers, che espugnano la Talking Stick Resort Arena di Phoenix, casa dei Suns. George (25+13 rimbalzi), Turner (20) e Teague (19+11 assist) trascinano Indiana in particolare nel quarto periodo (27-14 il parziale). Il migliore per la squadra dell’Arizona è Bledsoe (15). Brutto scivolone per i Nuggets di Gallinari (5 punti con 3 assist e 3 rimbalzi), sconfitti al Barclays Center dai Nets. I padroni di casa, trascinati da Lopez (24+8 rimbalzi), Kilpatrick (22+6 rimbalzi) e Bogdanovic (19), dominano in lungo e in largo, toccando anche il +29 nel terzo periodo (63-92). Poi arriva la reazione ospite, con la bomba di Chandler (27+15 rimbalzi) che vale il -2 a 16″ dalla conclusione (109-111). I viaggi in lunetta, quindi, sorridono ai Nets. Infine, un gran secondo tempo (64-37) consente ai Kings di espugnare l’American Airlines Center di Dallas. Sugli scudi come sempre Cousins (24+14 rimbalzi e 7 assist), sostenuto dal duo Gay-Collison (19 a referto per entrambi); nei Mavs, il migliore risulta Deron Williams (20+6 assist).

Di seguito, il riepilogo dei risultati della notte:

DETROIT PISTONS (12-12) @ CHARLOTTE HORNETS (13-9) 77-87

BOSTON CELTICS (13-9) @ ORLANDO MAGIC (10-13) 117-87

DENVER NUGGETS (8-14) @ BROOKLYN NETS (6-15) 111-116

MIAMI HEAT (7-15) @ ATLANTA HAWKS (11-12) 95-103

PORTLAND TRAIL BLAZERS (12-11) @ MILWAUKEE BUCKS (11-9) 107-115

LOS ANGELES LAKERS (10-14) @ HOUSTON ROCKETS (15-7) 95-134

CLEVELAND CAVALIERS (15-5) @ NEW YORK KNICKS (12-10) 126-94

SACRAMENTO KINGS (8-13) @ DALLAS MAVERICKS (4-17) 120-89

INDIANA PACERS (11-11) @ PHOENIX SUNS (6-16) 109-94

GOLDEN STATE WARRIORS (19-3) @ LOS ANGELES CLIPPERS (16-7) 115-98

*Tra parentesi, i record delle varie squadre.

Gianluca Zippo

Informazioni sull'autore
Laureato in Giurisprudenza alla Federico II di Napoli. Malato di Formula 1 e calcio, seguo anche la MotoGP e la NBA.
Tutti i post di Gianluca Zippo