Napoli-Torino 1-0, postpartita Spalletti: “Vittoria meritata contro un grande Torino. Osimhen leader. Insigne deve essere più tranquillo”

Il Napoli riesce ad arrivare all’ottava vittoria utile consecutiva. Contro il Torino, i partenopei vincono 1-0 in una partita sofferta ma ricchi di colpi di scena con un rigore sbagliato da Insigne ed uno annullato di Di Lorenzo. Osimhen, alla fine, regala i tre punti agli azzurri. Luciano Spalletti ha parlato nella consueta conferenza al termine della partita.

Obbiettivo raggiunto: il Napoli realizza l’ottava vittoria consecutiva ed eguaglia il record di Maurizio Sarri. Quella contro il Torino di Ivan Juric è stata tutt’altro che un match semplice. I padroni di casa hanno sofferto tantissimo prima di risolverla con la spizzata in area di Osimhen.

L’essenziale è avere un comportamento uniforme dall’inizio alla fine“. Con questa frase, Spalletti ha iniziato la sua conferenza. La partita è stata molto complessa sotto diversi punti di vista. Il Torino era un avversario fisico che non concede troppo, a dimostrarlo erano i suoi 7 gol subiti fino a quel momento. Averla risolta è sicuramente un sintomo di grande maturità e di forza.

Unica nota negativa della serata è stato l’ennesimo rigore sbagliato da Insigne. Si tratta del tiro sbagliato numero tre per il capitano azzurro che continua con il suo incubo dagli undici metri. Spalletti, però, ha voluto applaudirlo, nonostante l’errore, per dargli forza e fiducia. Alla fine, però, il tecnico ha dovuto sostituirlo. Una questione di rispetto anche per chi è in panchina, ha dichiarato l’allenatore, che meritano anche le stesse possibilità dei titolari.

Cosa deve fare Insigne? Battere anche il successivo rigore. Solo così potrà superare questo blocco psicologico che sta avendo in questo momento. Se da un lato c’è la serata no di Insigne, dall’altro c’è Osimhen sempre più trascinatore. Il nigeriano ha regalato i tre punti con un colpo di testa che ha battuto Milinkovic-Savic. Oltre al gol, è riuscito anche a far salire la squadra, sacrificandosi. Il Napoli, però, ha tanti leader oltre che Osimhen.

Anche quelli che Spalletti definisce leader silenziosi. Tra questi c’è anche Koulibaly, ancora oggi una partita spettacolare per il difensore azzurro. Si potrebbe dire lo stesso di Lozano che ,però, ha cambiato atteggiamento, non piacendo convincendo molto il suo mister. Proprio per questo il tecnico lo ha sostituito anche se il messicano non sembra averlo accettato di buon grado. L’attaccante, alla fine, ha capito e negli spogliatoi si è complimentato con i compagni.

Ad attendere il Napoli, però, è la sfida contro il Legia Varsavia in attesa del big match contro la Roma. Per Spalletti sarà un’emozione ritornare all’Olimpico dopo tanto tempo. I giallorossi saranno motivati nel voler fermare il Napoli dato che combattono per il vertice. Ci vorrà sicuramente un Napoli più combattivo ed affamato come visto anche negli scorsi incontri. Bisognerà avere una continua evoluzione.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Cesare Tartaglione

Informazioni sull'autore
"Non c'è altro posto al mondo dove l'uomo è più felice che in uno stadio di calcio" Classe 96. Nutro una vera venerazione per il calcio e una profonda passione per la scrittura e la libertà di espressione. Insegnante e divoratore di libri. Open minded.
Tutti i post di Cesare Tartaglione