Napoli-Legia Varsavia, prepartita Spalletti: “Domani partita fondamentale. Osimhen non ci sarà. Insigne sarà sempre il rigorista”

Alla vigilia del match di Europa League tra Napoli e Legia Varsavia, Luciano Spalletti ha parlato nella consueta conferenza prepartita. Dopo la vittoria in campionato col Torino, gli azzurri affronteranno i polacchi in un incontro davvero importante.

La gara di domani sera sarà decisiva per il passaggio del turno. Il KO contro lo Spartak Mosca ha complicato le carte in tavola e, dunque, al Maradona il Napoli si gioca, in parte, la qualificazione. Il Legia Varsavia ha vinto contro i russi e pareggiato contro il Leicester. Sicuramente è una squadra da non sottovalutare. Bisogna vincere, ha dichiarato Spalletti. La rosa lo permette ma ci vuole specialmente una grandissima mentalità.

Inutile parlare di turnover. Tutti i giocatori sono fondamentali e nessuno lo è meno degli altri. Questa definizione intacca la loro professionalità. Ci sono tante alternative in questo Napoli e per questo è possibile spaziare tra le diverse pedine. Spalletti è molto soddisfatto della versatilità dei giocatori che fanno grandissime cose anche in allenamento, soddisfacendo a pieno le sue richieste.

Tra i candidati per giovedì sera ci potrebbe essere Mertens, che ha giocato uno spezzone di partita contro il Torino. Assieme a lui anche Demme e Juan Jesus. Probabile anche l’impiego di Lobotka per far rifiatare anche Zielinski che ha avuto un piccolo problema muscolare. Riposerà anche Osimhen, in vista della sfida delicata di domenica contro la Roma. Prima del campionato, però, è importante pensare anche al Legia.

Qualche parola il mister l’ha detta anche su Insigne, dopo l’ennesimo rigore sbagliato domenica. Insigne è sereno, è un leader che sa che può anche sbagliare qualche rigore. Cambiare rigorista non è sicuramente la miglior cosa e, come già preannunciato, sarà sempre il capitano azzurro il tiratore ufficiale. Solo così il giocatore può dimostrare la sua grandezza.

Anche Lozano sembrava malcontento domenica. Il messicano non ha gradito la sostituzione a pochi minuti dalla fine dopo che era subentrato. Il motivo c’era ed era puramente tattico. L’ex PSV ha inteso ed ora ha riacquistato la tranquillità che aveva. La sua reazione ha dimostrato la sua professionalità.

La qualificazione in Europa League ha portato sicuramente meno introiti e, di conseguenza, a non investire sul mercato. Resta comunque l’obbiettivo che il Napoli intende seguire.

Migliori Bookmakers AAMS

Eurobet

Bonus di Benvenuto fino a 105€

Cesare Tartaglione

Informazioni sull'autore
"Non c'è altro posto al mondo dove l'uomo è più felice che in uno stadio di calcio" Classe 96. Nutro una vera venerazione per il calcio e una profonda passione per la scrittura e la libertà di espressione. Insegnante e divoratore di libri. Open minded.
Tutti i post di Cesare Tartaglione